Marano. Bertini: “Liccardo e company vogliono mettermi il bavaglio, ma non ci riusciranno”

Marano. Bertini: “Liccardo e company vogliono mettermi il bavaglio, ma non ci riusciranno”

Marano. Alle proposte dell’opposizione da discutere nel prossimo consiglio comunale, fissato per il prossimo 2 marzo, si è aggiunta anche quella della maggioranza che intende modificare l’art. 31 del regolamento del Consiglio comunale. Ecco la proposta di modifica.

“Dopo ulteriore formale richiamo avvenuto nel corso della medesima seduta, il Presidente, a suo insindacabile giudizio, può proporre al Consiglio comunale di: deliberare l’esclusione dall’aula del consigliere richiamato nel corso della seduta medesima; deliberare contestualmente l’interdizione del medesimo consigliere a partecipare alle successive sedute di Consiglio comunale, valide e deliberanti, per un periodo non superiore a tre.

Tutto questo, come è scritto nella premessa alla proposta di modifica “per evitare che si debba assistere ad azioni clamorose, in cui, nelle ultime sedute di Consiglio comunale, sono stati assunti comportamenti oltraggiosi e irrispettosi nei componenti del civico consesso e di onesti lavoratori”.

Nel contempo, si prende ad esempio la seduta dell’8-10-2015, “quando il consigliere comunale Mauro Bertini scagliava con violenza inaudita il microfono verso il tecnico dell’audio, colpendolo violentemente, procurandogli lesioni fisiche guaribili in sette giorni, distruggendo peraltro l’attrezzatura preposta alla registrazione audio”.

“Siamo davvero alla frutta – afferma Mauro Bertini , ex sindaco di Marano dal 1994 al 2006 – visto che l’unico obiettivo di questa maggioranza è quello di mettermi il bavaglio. Ma non ci riusciranno affatto”.

 

Di Domenico Rosiello