Marano. Appalto rifiuti, l’opposizione vuole incontrare i vertici della Ego Eco l’azienda finita nel mirino della magistratura

Marano. Appalto rifiuti, l’opposizione vuole incontrare i vertici della Ego Eco   l’azienda  finita nel mirino della magistratura

La richiesta di incontro con i vertici della Ego Eco srl, la ditta vincitrice della gara d’appalto semestrale per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti è stata formalizzata il 4 febbraio scorso. La missiva, inviata all’attenzione del dottor Carlo Ciummo, attuale rappresentante legale (il padre Vittorio è finito ai domiciliari per la vicenda sugli appalti dei rifiuti a Ischia), reca la firma dei 12 consiglieri di minoranza: Lorenzo Abbatiello, Mauro Bertini, Pasquale Catuogno, Pasquale Coppola, Angela Di Guida, Anna Garofalo, Domenico Paragliola, Vincenzo Passariello, Eduardo Pellecchia, Alessandro Recupido, Roberto Sorrentino e Marco Tagliaferri. La riunione dovrebbe presumibilmente svolgersi  presso il cantiere di Marano e sarà riservata ai sottoscrittori della lettera, al rappresentante dell’impresa di Cassino (provincia di Frosinone) e al responsabile del procedimento della gara negoziata, Vincenzo Brasiello. Si vuole fare chiarezza sulle diverse zone d’ombra dell’appalto che così come concepito potrebbe creare ulteriori gravi problemi alla cittadinanza. Rumors di piazza dicono che l’incontro difficilmente avverrà, poiché in questo momento i rappresentanti dell’impresa avrebbero problemi più seri e impellenti a cui pensare.

 

Domenico Rosiello