Marano. Abusivismo: ecco il piano di ricognizione, acquisizione ed utilizzo per fini pubblici

Marano. Abusivismo: ecco il piano di ricognizione, acquisizione ed utilizzo per fini pubblici

Marano. Una ricognizione di tutti i manufatti abusivi esistenti su Marano per avviare le pratiche di acquisizione al patrimonio comunale per il successivo riutilizzo, mantenendo come ultima ipotesi quella dell’abbattimento in danno dei proprietari. Nei giorno scorsi, la giunta presieduta dal sindaco Angelo Liccardo ha approvato la delibera proposta dall’assessore Gennaro Testa relativa proprio alla delicata vicenda dei manufatti abusivi esistenti sul territorio.

“Abbiamo incaricato il dirigente del settore Urbanistica – ha specificato l’assessore – di organizzare le risorse umane e strumentali per affrontare in modo efficace ed efficiente le attività amministrative, per arrivare ad una ricognizione completa, puntuale e circostanziata di ciascun manufatto abusivo acquisito al patrimonio comunale per valutarne l’eventuale utilizzo per fini pubblici. In coordinamento con il settore Affari Legali, si dovrà ordinare lo sgombero a coloro che occupano abusivamente gli immobili già acquisiti al patrimonio comunale, verificandone, allo spirare del termine assegnato, l’ottemperanza, anche ai fini dell’eventuale corresponsione, da parte di coloro che non avessero ottemperato di una indennità per l’occupazione sine titulo dell’immobile divenuto di proprietà comunale”.

“Abbiamo portato avanti un lavoro difficile che necessità di una verifica certosina di tutti gli atti a disposizione, ma che permetterà alla città di Marano di riconquistare parte della città” ha chiosato il sindaco Angelo Liccardo.