Mallo e Danise, bocche cucite durante l’udienza di convalida

Mallo e Danise, bocche cucite durante l’udienza di convalida

Napoli. Non parla Walter Mallo. Durante l’udienza di convalida per l’arresto avvenuto ieri, davanti al Gip della Procura di Napoli, Mallo non proferisce parola. Il boss del rione Don Guanella e il suo fedelissimo Vincenzo Danise, 25 anni, entrambi difesi dall’avvocato Giovanni Lo Russo, si sono avvalsi infatti della facoltà di non rispondere.

Una strategia difensiva ben chiara, dunque: i due hanno deciso di non collaborare con la giustizia né di rivelare eventuali dettagli sulle ragioni del loro arresti. I due infatti, insieme a Paolo Russo, sono accusati di detenzione illegale di armi da fuoco e associazione a delinquere di stampo camorristico.

I tre, secondo gli inquirenti, sarebbero a capo di un gruppo di fuoco che ha dichiarato guerra ai Lo Russo di Miano per il controllo delle piazze di spaccio. Un scontro criminale ad alti livelli che negli ultimi mesi avrebbe portato morti, feriti e “stese”. Lo stesso Mallo è riuscito a scampare a un agguato ai suoi danni la scorsa settimana.