Lo strano caso degli scrutatori a Giugliano, nominati parenti dei politici

Lo strano caso degli scrutatori a Giugliano, nominati parenti dei politici

Dopo la pubblicazione della lista degli scrutaotri nominati a Giugliano sono balzati agli occhi alcuni nomi. Ci sono infatti il padre e la moglie di due consiglieri di opposizione nella lista dei selezionati per il referendum di aprile. Il primo è Biagio Palma, padre del consigliere del Movimento 5 stelle Nicola Palma. L’altra invece è la moglie del capogruppo di Forza Italia Alfonso Sequino.

“Sono dei pagliacci – ha dichiarato Sequino – invece di pensare a fare le cose serie si mettono a fare giochetti con i cittadini. Siccome ci sono di mezzo dei soldi sarebbe bene pensare di scegliere a persone che oggi sono in difficoltà economiche. Vorrei sapere chi si è preso la briga di cercare il nome di mia moglie”.

“Che simpatici burloni. Non è stato mai chiamato in vita sua…mi sa che rinuncerà” è stato invece il commento di Palma sulla nomina del padre.

L’opposizione aveva chiesto di procedere tramite sorteggio per la scelta degli scrutatori. La proposta però in commissione elettorale non trovò l’unanimità così hanno proceduto per nomina. I consiglieri di opposizione decisero così di non partecipare alla nomina e disertare la commissione.

Insomma, stando alle dichiarazioni dei consiglieri di opposizione, si tratterebbe di una scelta fatta a loro insaputa e con l’unico intento di sbeffeggiarli dopo che si erano opposti al metodo della nomina.