L’incredibile caso della foto sul pacchetto di sigarette. Già 3 rivendicazioni

L’incredibile caso della foto sul pacchetto di sigarette. Già 3 rivendicazioni

“Sono io in quella foto e non ho mai autorizzato nessuno”. E’ diventato un vero e proprio caso lo scatto che ritrae un uomo in sala operativo pubblicato sui pacchetti di sigarette con la scritta “il fumo causa ictus e disabilità”. Secondo Raffaele Leone, 48 anni di Orbassano (Torino), quell’uomo è suo padre, morto a 73 anni, che sarebbe stato immortalato dopo l’ictus. La denuncia è giunta attraverso i social network.

Dall’entrata in vigore della normativa Ue – oltre al torinese che si è rivolto anche ad un avvocato – sono però numerosi quelli che si sono riconosciuti o che hanno riconosciuto in quella foto i propri parenti. La stessa immagine è stata rivendicata in Spagna da ben due persone: un uomo, in Galizia, ha sostenuto di essere lui e si è rivolto all’Unione Europea; una donna avrebbe invece riconosciuto il marito morto per un tumore.

 

Facebook