“Le sigarette in spiaggia inquinano più delle auto”. Si propone il divieto

“Le sigarette in spiaggia inquinano più delle auto”. Si propone il divieto

Multe in spiaggia che potrebbero arrivare fino a 300 euro per chi getta i mozziconi per terra sono un bene, ma è soltanto il primo passo, perché  la «spiaggia è spazio aperto ma le persone sono concentrate in pochissimi metri quadrati» e dunque si punterà a imporre il divieto di fumo sugli arenili su tutto il territorio italiano, questo quanto riportato da il Mattino.

A chiederlo è il Codacons che si batte da anni per estendere il divieto di fumo sulle spiagge nazionali. Per il Codacons i tempi sono maturi per seguire l’esempio di alcune amministrazioni locali che hanno esteso il divieto. «In certe condizioni, -segnala il Codacons- l’inquinamento generato dalle sigarette fumate sotto gli ombrelloni può superare quello che si registra in una zona ad elevato traffico di auto».

«Per la salute di tutti coloro che vanno in spiaggia, è necessario intervenire il prima possibile, salvaguardando bambini, anziani e tutti coloro che vogliono godersi le nostre spiagge senza finire intossicati» afferma il Codacons che chiede «al ministro della Salute di mandare una circolare esplicativa in merito ai divieti relativi al fumo».