La notte dell’Epifania, tra leggenda e tradizione

La notte dell’Epifania, tra leggenda e tradizione

Passano gli anni ma pare che il fascino della festa dell’Epifania tenda a non sparire. La notte tra il 5 e il 6 gennaio, quella nella quale, magicamente, la vecchietta che durante l’anno abita nelle caverne, porta nelle case a cavallo di una scopa i regali per i buoni ed il carbone per quelli che sono stati cattivi.

 

La tradizione vuole che proprio dinanzi al camino, li dove la befana scende dalla cappa, si lascino le calze vuote, per poi ritrovarle piene di dolciumi la mattina del 6 gennaio. Una leggenda narra che la Befana, la notte in cui i Magi passarono, diretti a Betlemme per onorare il Bambino Gesù, era così presa dalle faccende domestiche, da non potersi occupare di loro.

 

La Befana attese il loro ritorno, ma sembra che i Magi cambiarono strada. Così, ogni Dodicesima Notte, ossia la dodicesima notte dopo il Natale, si dice ella speri di vederli passare. Proprio come ogni bambino che in questa magica notte spera di poter incontrare questa dolce vecchietta che porta i doni.