La Napoli senza mare e il “bancolotto”