“La droga più bella? Il potere”, il racconto di Prestieri a Saviano in tv su Kings of Crime

“La droga più bella? Il potere”, il racconto di Prestieri a Saviano in tv su Kings of Crime

Spese ben 28 milioni di lire con Paolo Di Lauro, solo per bere una sera. E circa 50 o 60 milioni di lire per una cena con una trentina di persona. E’ ciò che emerge dall’intervista di Saviano a Maurizio Prestieri, andata in onda ieri sera su Kings of Crime, canale 9. 

“Non mi pento, so però che oggi non posso più fare quella vita. Ma rifarei tutto”, confessa il collaboratore di giustizia.  Lusso e potere sono le parole chiave che ruotano intorno al discorso dell’ex braccio destro del boss:”A 28 anni avevo già visto tutto – afferma Prestieri, – ero come un malato terminale. La droga più bella? Il potere”.  Ad interloquire con lui lo scrittore di Gomorra, che nella puntata di ieri sera ha svelato al grande pubblico i loschi affari dei clan, partendo dai Di Lauro e dalla faida a Scampia, sino a trattare di omicidi di vittime innocenti, tra cui quello di Gelsomina Verde, che venne brutalmente torturata e bruciata in macchina, a 21 anni, dai Di Lauro affinché svelasse informazioni e segreti sugli scissionisti.Kings of Crime è la prima serie factual di Discovery Italia, prodotta con ZeroStories. Ieri la prima puntata dedicata alla criminalità organizzata in Italia, le prossime, invece, in America Latina, Spagna, Portogallo, Francia e in Germania. 

Quattro saranno le puntate trasmesse che racconteranno le più feroci organizzazioni criminali al mondo e le loro identità. Tra le biografie trattate, il capo ‘ndranghetista Antonio Pelle, il re del narcos Joaquín Guzmán El Chapo. Non mancherà di certo la storia di Paolo Di Lauro, noto come “Ciruzzo o’ Milionario”, il boss a cui Saviano si ispirò per costruire il personaggio di Don Pietro Savastano di Gomorra.