La camorra mette le mani anche sulla raccolta differenziata

La camorra mette le mani anche sulla raccolta differenziata

La camorra mangia anche sulla differenziata. I fatti accaduti nel weekend dove un camion abusivo per la raccolta differenziata è stato sequestrato alla malavita che gestisce il traffico illecito dei rifiuti di cartone nel capoluogo partenopeo.

 

Il mezzo all’apparenza sembra uno di quelli in servizio per conto di Asìa e i guidatori hanno i catarifrangenti e selezionano attentamente il cartone tra gli scarti proprio come i lavoratori dell’azienda addetta alle pulizie delle strade. Frequentano la zona industriale di Napoli perché i numerosi grossisti cinesi hanno un quantitativo di scatoli da smaltire enorme. Il business dunque, denunciato dal Comune di Napoli, si basa sulla rivendita dei rifiuti in cartone sottratti alla regolare raccolta messa in campo dal Comune di Napoli per il riciclo dei rifiuti.

 

Questo è il quarto furgone sequestrato negli ultimi tre mesi addetto al furto dei cartoni, un fenomeno in aumento nella zona commerciale della città.