Guardia di Finanza di Marcianise sequestra 300 abiti contraffatti. Denunciato un uomo

Guardia di Finanza di Marcianise sequestra 300 abiti contraffatti. Denunciato un uomo

Giubbini, cinture, pantaloni delle più note griffe nazionali e internazionali vendute in mezza Italia. Erano arrivati perfino sui banchi degli ambulanti in Lombardia i capi contraffatti assemblati e smerciati da G.B., italiano quarantacinquenne residente in Capodrise, nel casertano.

Partendo proprio da un sequestro operato dalla Polizia Municipale di Milano, le Fiamme Gialle della Compagnia di Marcianise sono riuscite a individuare il canale di rifornimento della merce, arrivando così fino ad una cantina di un fabbricato nella periferia di Capodrise, adibita a laboratorio e deposito, dove sono stati rinvenuti, ben ordinati in esposizione sugli scaffali, oltre 300 indumenti ed accessori contraffatti (pantaloni, giubbotti, magliette, felpe e borse) di elevata qualità e finemente rifiniti, pronti per essere immessi sul circuito illegale delle false griffe.

Nel corso del controllo sono state inoltre trovate anche migliaia di etichette e segni distintivi metallici di famosi marchi internazionali, come GUCCI, COLMAR, BURBERRY, MONCLER, PRADA, LOUIS VUITTON, CHANEL, LIU JO, ARMANI JEANS, ADIDAS e NIKE, destinati ad essere applicati sui capi subito prima del loro smercio. Il responsabile, denunciato all’Autorità Giudiziaria competente, dovrà ora rispondere dei reati di ricettazione e contraffazione.

img_0625