Grottammare, annega per salvare il figlio. Muore a 44 anni

Grottammare, annega per salvare il figlio. Muore a 44 anni

Prima vittima della stagione estiva sulla Riviera delle Palme, nelle Marche. Un turista di 44 anni del Bresciano, Luca Zambrini, mentre stava giocanco con il figlio è morto in mare. È accaduto all’altezza del  Koh-I-Noor di Grottammare. Il turista stava giocando con il bambino di 5 anni in acqua, a ridosso delle scogliere, quando la corrente ha messo padre e figlio in difficoltà.

L’uomo è annegato nel tentativo di raggiungere il figlio di 10 anni che era in acqua e che la corrente stava trascinando verso il largo a causa di un forte fenomeno di risacca. Zambrini, che non sapeva nuotare, ha raggiunto il bambino, ma poi è stato travolto da un’onda ed è sparito da sotto gli occhi dei bagnini di salvataggio che hanno afferrato e portato a terra il minore.

I bagnini si sono prodigati per recuperarlo, riportando anche delle ferite. Sono riusciti a tirarlo fuori ma era ormai in condizioni critiche. I bagnini hanno tentato di rianimarlo ma non ci sono riusciti. Fuori pericolo il figlio. Zambrini era arrivato sabato pomeriggio in un hotel della riviera grottammarese, con la moglie, i due figli (il maschio di 10 anni e la femmina di 10 mesi) ed i due suoceri.

L’uomo è stato recuperato e portato a terra qualche minuto dopo da due bagnini che hanno iniziato subito il massaggio cardiaco, assistiti e coadiuvati dalla primaria di Rianimazione dell’ospedale di San Benedetto, che si trovava sulla spiaggia. Dopo circa 40 minuti, i sanitari si sono dovuti arrendere, poiché il cuore del giovane papà non ne ha voluto sapere di riprendere a battere.