Giugliano, violenza all’ospedale. Infermiera aggredita a schiaffi

Giugliano, violenza all’ospedale. Infermiera aggredita a schiaffi

Giugliano. Non c’è pace per il San Giuliano ma soprattuto non c’è pace per i suoi operatori. Non solo il pronto soccorso stracolmo di barelle e la radiologia alle prese con il doppio del lavoro a causa della chiusura del reparto di Frattamaggiore, ma anche violenze e minacce ai danni degli operatori.

Ieri l’ennesima aggressione. I fatti al reparto di ortopedia dove una infermiera è stata aggredita con schiaffi e tirata per i capelli dalla figlia di un degente che aveva da ridire sul suo operato. Pronta la denuncia dei sindacati che con il loro rappresentata Feliciano Manna hanno espresso piena solidarietà alla collega e denunciato le “barbare condizioni di lavoro nella quali sono costretti ad operare”.

Una situazione quella del San Giuliano sempre più esplosiva. I lavori del pronto soccorso dovevano terminare per la primavera ma a due settimane dall’estate la situazione non è cambiata. Anzi peggiorata: l’allagamento del reparto di radiologia di Frattamaggiore ha spostato tutti gli utenti dell’area nord sul San Giuliano.
E questa non è l’unica emergenza della Napoli 2 Nord. Sta per scadere infatti il contratto con gli operatori delle pulizie ed ad oggi il loro futuro resta molto incerto non si sa ancora se si procederà con un nuovo bando o con una proroga. Unaa situazione scottante che ha visto l’intervento anche del consigliere regionale Gianluca Daniele attivatosi per risolvere nel migliore dei modi la situazione.