Giugliano, sospetta meningite: profilassi per medici e parenti della defunta

Giugliano, sospetta meningite: profilassi per medici e parenti della defunta

E’ da due giorni che al San Giuliano di Giugliano è scattata l’allerta meningite. Prima una donna anziana trasferita d’urgenza tre giorni fa al Cotugno per una meningite virale (non contagiosa), poi un’altra donna deceduta nella giornata di ieri con febbre alta ma ricoverata per una malattia reumatica e una grave insufficienza renale.

Proprio la febbre alta ha fatto mettere in allarme il personale della struttura ospedaliera. I vertici del San Giuliano hanno così disposto l’attivazione delle misure di profilassi per i medici entrati in contatto con la paziente e per i parenti del defunto. “E’ stato fatto per ragioni di sicurezza – rassicura Pietro Rinaldi, portavoce dell’Asl Napoli 2 Nord – non dovrebbe trattarsi di meningite”.

La certezza, però, si avrà soltanto dopo 72 ore dal decesso. L’allarme potrà rientrare definitivamente soltanto dopo aver ottenuto la diagnosi. Ciò che è certo, ad ogni modo, è che per adesso non è stato accertato alcun caso di meningite batterica (e quindi contagiosa) all’ospedale di Giugliano.  Intanto già dalla prossima settimana saranno disponibili i vaccini per i neonati dal 13esimo al 15esimo mese e per i ragazzi dai 12 ai 18 anni.