Giugliano, sabato parte la quarta edizione de “La tammorra dei briganti”. Ecco il programma

Giugliano, sabato parte la quarta edizione de “La tammorra dei briganti”. Ecco il programma

Gli eventi hanno fatto la storia. La storia spesso è raccontata attraverso gli eventi, sia intesi come manifestazioni, sia come accadimenti, fatti importanti che hanno determinato la nostra visione delle cose. L’associazione Liberal attraverso questo evento culturale giunto alla 4°edizione, cerca di cambiare la visione, il punto vista dei cittadini meridionali, lasciando le cose lì come sono, senza cercare di cambiarle, ma semplicemente ricomponendole diversamente per dare a tutti la possibilità di leggere meglio la nostra storia e capire come popolo da dove veniamo. Le parole chiave sono Madre Natura, Terra e Popolo e nel logo dell’evento il Sud è disegnato sottosopra per rappresentare un territorio che troppo spesso si dimentica della propria Grandezza. Il Sud Italia da sempre è stato il centro della civiltà ed è una Terra baciata da Madre Natura. Restano i prodotti agricoli, le danze, i canti e le tradizioni che raccontano il passato, una storia negata che ci ha visto splendere fino al 1861, l’amore e la passione che difficilmente si cancellerà dal nostro DNA, l’unione, la generosità e la fratellanza che nel bene o nel male caratterizza da sempre il popolo meridionale. Ecco, questi sono gli ingredienti dell’evento “La Tammorra dei Briganti”, aprendo a tutti coloro che condividono questa causa e lasciando a chiunque la possibilità di contribuire volontariamente alla riuscita della tre giorni.
“La Tammorra dei Briganti” è un evento dedicato alla Musica Popolare e ai prodotti tipici. La finalità dell’evento è la riscoperta delle tradizioni e della storia dei “Briganti”. Il cuore della manifestazione sarà il nuovo centro storico di Giugliano, dove sfileranno briganti a cavallo e carrette d’epoca. Ai bordi della strada, lungo il corso, gruppi di musicisti e danzatori di tammurriata allieteranno il passaggio dei visitatori mentre degustano ed acquistano prodotti tipici del territorio. Inoltre al momento ludico ed aggregativo, si aggiungeranno anche una mostra, una proiezione e un convegno sul tema del “brigantaggio” per ricordare come il Sud Italia da grande Regno divenne trascurata colonia del Nord, interpretazioni teatrali, presentazione di libri. Inoltre sarà organizzata una festa a tema per bambini.
Le aree interessate dalla manifestazione saranno Piazza Gramsci, Via Roma e Corso Campano (da angolo Via Marconi fino a Piazza Matteotti) dalle 8:30 alle 22:30 dei giorni sabato 23, 24 e 25 aprile e si articolerà nelle seguenti attività:

Fiera dei Briganti
Si prevede l’installazione di gazebo per ospitare mercatini artigianali, degustazioni di prodotti tipici e stand espositivi di aziende e produzioni meridionali lungo il Corso Campano e nelle piazze

Cosa si potrà degustare:

Specialità alla brace a cura delle migliori macellerie di Giugliano
Vasta scelta di vini del Sud Italia e di birre artigianali locali
Fave, Pancetta e Capicollo Giuglianese
Pizza al portafoglio con il pomodorino giallo del Vesuvio
Peperoncino calabrese, ‘Nduja e derivati
Salumi e Formaggi del Monte Pollino in Calabria
Mozzarella di bufala D.O.C. – Zizzona di Battipaglia
Fritture napoletane e siciliane
Degustazione enogastronomiche del Sannio
Tartufi e Funghi e Pecorino di Bagnoli Laceno
Prodotti Bio del Vesuvio – Torre del Greco
Provolone impiccato irpino
Sfogliatelle napoletane e cannoli siciliani
Marmellate Bio e Macedonie di frutta

Sfilata dei cavalli
Sabato 23 aprile alle 16:30 e Domenica 24 aprile alle 10:30 e lunedì 25 aprile alle 10:30 sono previste sfilate di carri, cavalli e carrozze accompagnate dai suonatori di tammorra. Il percorso prevede il raduno a piazza Gramsci e un itinerario descritto nel progetto in allegato (Via Roma, Corso Campano, Via Licante, Via A.M.Pirozzi, Via A.Palumbo, Piazza Gramsci)
(sabato: circa 20 cavalli e 3 carrette, 1 giro)
(domenica: circa 40 cavalli e 10 carrette, 2 giri)
(lunedì: circa 20 cavalli e 3 carrette, 1 giro)

Mostra Borbonica
La Casa Comunale in Corso Campano sarà allestita con 10 pannelli illustrativi in onore dei 300 anni dalla nascita di Carlo di Borbone, mostra patrocinata della Real Casa di Borbone nei giorni 23, 24 e 25 aprile 2016

Interventi culturali confermati

Piazza Municipio sabato ore 18:00

Apertura musicale con il gruppo “Popolo Vascio”
Antonio Poziello – Sindaco del Comune di Giugliano
Francesco Tigani Sava da Potenza – autore del libro “Briganti in Calabria” – presentazione libro
Domenico Basile – scrittore
Raffaello Grinni – storico lucano
Pompeo De Chiara – storico meridionalista

Piazza Municipio domenica ore 11:30

Apertura Musicale con il gruppo “Brigan”
Gennaro De Crescenzo – Presidente Movimento Neoborbonico
Angelo Forgione – Autore del libro “Made in Naples” – presentazione libro
Luigi Guarino – Presidente Club Napoli Due Sicilie

Piazza Matteotti lunedì 25 aprile ore 11:30
Apertura musicale con il ballo della cordella a cura del Gruppo Folk Gazzara
Marco Esposito – Giornalista de Il Mattino – fondatore di MO – Unione mediterranea
Gino Giammarino – Editore della testata giornalistica “Il Brigante”
Fiore Marro – Presidente Comitati Due Sicilie

Interventi musicali confermati

23/24/25 aprile – spettacoli itineranti – Tammurriata Giuglianese e ospiti
Sisco nacchere e tammorra per l’ultima volta in strada con carri e paranze prima della Siscarata di fine estate omaggeranno la Tammorra dei Briganti con una serie di spettacoli e sfilate. Saranno protagoniste le tre storiche paranze Mezzone, D’Alterio e Quartarola e i loro numerosi ospiti provenienti da tutta la Campania.

23/24/25 aprile – spettacoli itineranti – Gruppo Folk Gazzara – canti e balli della tradizione siciliana – direttamente da Caltavuturo in provincia di Palermo dal 23 al 25 aprile 2016 a Giugliano in Campania per accompagnare le sfilate e proporre una serie di spettacoli tra cui il caratteristico “ballo della cordella” . Il Gruppo Folk “Gazzara”, ha lo scopo di ricercare, preservare e tramandare il patrimonio folclorico e culturale delle Madonie in particolare e della regione Sicilia in generale, è una realtà fiorente che opera nel centro madonita di Caltavuturo e che vuole divulgare canti, danze e musiche tradizionali in Italia e all’Estero. Il gruppo, formato da studenti e lavoratori, che esprime attraverso rappresentazioni sceniche, gioie, dolori e amori del popolo siciliano, ha la ferma intenzione di rivalutare quanto è rimasto della antica cultura folclorica e popolare. Testimonial del folklore siciliano, in ambito nazionale ed internazionale, ha partecipato a numerosi festivals riscuotendo apprezzamenti e giudizi molto positivi.

23 e 24 aprile – “Brigan” in “TransumanzaSonora” – tour 2016 – Repertori tradizionali appartenenti all’area celtica (Galizia , Asturia , Bretagna , Irlanda) saranno riproposti attraverso un linguaggio nuovo che si fonde con il contesto rurale del sud Italia. Tammurriate, Tarantelle, canti popolari incontrano e si fondono con Muiñeire, Carballese galiziane e Reel irlandesi. Si esibiranno sabato e domenica rispettivamente a Piazza Matteotti e a Piazza Municipio

23 aprile ore 20:30 – ViaNova – La band nasce dalla passione di un gruppo di ragazzi Atellani per la riscoperta delle tradizioni musicali e culturali non solo dell’agro Atellano, ma di tutta la cultura che ha reso, e rende grande il Sud. Antonio Copertino, Giuseppe Iovane, Andrea Carboni, Antonio Colella, Salvatore Liguori.

23 aprile ore 19:30 – Angelantonio Aversana in ‘O Surdato ‘e Gaeta – dal Poemetto di Ferdinando Russo, “‘O surdato ‘e Gaeta”, tutte le verità di una Storia mai scritta raccontate dal reduce Michele Migliaccio, un vecchietto, che con le sue ultime forze, porta alla luce le bellezze di una Nazione e il tradimento e la viltà di chi viene raccontato come eroe. Un monologo interpretato da Angelantonio Aversana diventato l’emblema di chi è rimasto fedele fino alla fine alla sua Patria…il Regno delle Due Sicilie. Sabato ore 19:00 – Piazza Municipio.

23 aprile ore 20:30 – Luna Janara – Dall’incontro di giovani ricercatori del vesuviano, accomunati dalla passione per la musica e le tradizioni popolari, nasce un percorso di ricerca, valorizzazione e riproposizione del repertorio musicale tradizionale dell’Italia meridionale che si concretizza nel progetto musicale Luna Janara. Il repertorio da sempre eseguito nel rispetto dei canoni vocali e musicali della zona di provenienza, si arricchisce di nuove sonorità e contaminazioni che lo rendono più personale ed unico: infatti, attraverso strumenti di origine contadina e pastorale come tamburi a cornice, castagnette, flauti, zampogne e strumenti di derivazione colta come chitarre, mandolino, ghironda e organetto diatonico, vengono evocate sonorità che oltrepassano i confini del sud Italia per giungere a soluzioni musicali che si stemperano in atmosfere mediterranee.

24 aprile ore 19:00 – Mousiké – Ensemble di musica popolare – Domenica 24 aprile 2016 in Piazza Matteotti per La Tammorra dei Briganti! Rosa Carnevale, Gaetano Basile, Michele Di Meo, Antonio Basile e Gennaro Esposito, una formazione flegrea di musica popolare che vuole riproporre i valori della tradizione del Sud Italia!

24 aprile ore 20:30 – Popolo Vascio è un progetto che nasce a Napoli dalla passione per le musiche e le danze che gemmano in seno alla cultura popolare del Sud Italia. Il concerto è ideale per chi ama ballare Tarantelle, Pizziche e Tammurriate.