Giugliano, Poziello contro il ‘partito degli sfascisti’. “Guarino dimentica i disastri del passato”

Giugliano, Poziello contro il ‘partito degli sfascisti’. “Guarino dimentica i disastri del passato”

Giugliano. “Abbiamo dichiarato guerra ai criminali che ci avvelenano. Ci siamo impegnati a rimuovere tonnellate e tonnellate di rifiuti prima che venissero incendiati. Abbiamo inseguito delinquenti e semplici cretini che sversavano nelle nostre campagne. Li abbiamo denunciati, sanzionati, multati, abbiamo chiuso attività che smaltivano illegalmente rifiuti, non ci aspettavamo un grazie, ma nemmeno le polemiche da parte di quelli che hanno trascorso l’estate tranquilli sotto l’ombrellone, mentre altri erano al “fronte”, a combattere la guerra dei rifiuti”. Ci va giù duro il Sindaco Antonio Poziello. Contrariamente a quanto fa in genere, non lascia correre e se la prende con il partito degli ‘sfascisti’, quelli “del tanto peggio tanto meglio”.

Il riferimento è al Consigliere d’opposizione Luigi Guarino, che aveva attaccato il Sindaco giudicando “propaganda” l’offensiva di ferragosto del primo cittadino suo rifiuti (LEGGI).

“C’è chi lavora e chi si lamenta -attacca Poziello- dovremo farcene una ragione”. Il Sindaco non risparmia a Guarino stoccate. “Leggendo le sue dichiarazioni ho la sensazione di sentir parlare un marziano, pur di far polemica arriva a dire che gli agenti della Polizia Municipale sono pochi, come se non lo sapessimo -attacca il Sindaco- ma questo rende il loro lavoro ancor più apprezzabile ed encomiabile. Guarino mi da modo di ringraziare gli uomini della municipale per il lavoro che stanno svolgendo. Gli agenti sono più o meno gli stessi degli anni passati, degli anni in cui Guarino & co. erano alla guida della città, solo che adesso la loro presenza si avverte e come”.

“Sono centinaia i verbali fatti per reati e contravvenzioni nel solo campo ambientale. Stiamo aprendo i sacchetti e scavando tra i rifiuti abbandonati alla ricerca di indizi utili che spesso portano alla denuncia dei trasgressori. C’è un impegno enorme e costante in sinergia con la Teknoservice ed ogni giorno vengono rimossi numerosi cumuli di rifiuti prima degli incendi. Per carità, nulla d’eccezionale, è il nostro lavoro. Ma dalle nostre parti la normalità è rivoluzionaria, perché troppo a lungo queste terre normali non sono state. Guarino dovrebbe saperlo bene”.

“Guarino sembra essersi svegliato adesso dal letargo, -continua Poziello – parla come se lui non c’entrasse niente con la morte di Cesare. Dimentica -aggiunge ancora il primo cittadino- di essere stato consigliere comunale per svariati lustri, d’essere stato consigliere provinciale e Presidente del Consiglio senza che per la zona costiera cambiasse alcunché. Se non in peggio. Dimentica dei disastri della Senesi, dei cumuli di rifiuti non rimossi, della raccolta differenziata con percentuali da prefisso telefonico e dello spazzamento inesistente”.

“Se Guarino ha perso la memoria, in compenso i cittadini ricordano benissimo e, all’occorrenza, ci sono un bel po’ di foto per fare il raffronto tra il presente ed il passato”. “Quest’Amministrazione ha deciso di potenziare la raccolta dei cumuli sparsi e di rafforzare i controlli proprio sul litorale, passandone al setaccio ogni angolo nella stagione estiva dove c’è un incremento delle presenze ed un significativo aumento anche dei rifiuti abbandonati, ma abbiamo anche inaugurato una stagione con tolleranza zero verso chi inquina”.

“I miei post ed i vari comunicati, con foto a corredo -precisa il Sindaco- sono un modo per cercare di far capire agli incivili, ai criminali e agli stolti, che a Giugliano è cambiata l’aria, anzi che non c’è proprio più spazio per loro e che facciamo sul serio, che con chi abbandona i rifiuti o non fa la raccolta differenziata ci sarà il pugno duro. In questo mese -prosegue-abbiamo fatto un lavoraccio, con multe, sanzioni, denunce. E non ci fermeremo”. “Puntiamo sulle telecamere, fisse e mobili. La Regione ha sbloccato il finanziamento per la Terra dei Fuochi e a settembre i tecnici incaricati ci consegneranno il progetto: 1 milione di euro per i comuni dell’area nord con cui rafforzeremo ulteriormente il già esistente impianto di videosorveglianza. Stiamo inoltre predisponendo l’acquisto di altre telecamere mobili. Insomma, – conclude il sindaco – le cose sono cambiate e stanno ulteriormente cambiando, ma Guarino anziché unirsi a noi nella battaglia per la difesa del territorio, preferisce far polemica. È il male di questo Paese quello di anteporre gli interessi di parte a quelli generali, limitarsi a criticare chi cerca di affrontare e risolvere i problemi”.

Poi un chiarimento sulla presunta “gaffe” relativa al caseificio di Teverola. “Nessuna gaffe, ho la buona abitudine di parlare con cognizione di causa – afferma Poziello -. Il titolare è stato denunciato all’autorità giudiziaria: abbiamo trovato imballaggi plastici e numerose bolle di consegna in copia originale. Le indagini proseguono ed ulteriori risvolti potrebbero venir fuori da queste ultime, per ora non posso aggiungere altro. Intanto la nostra Polizia Municipale continua ad inseguire e perseguire quanti non rispettano norme ed ordinanze nel settore ambientale: oggi ne abbiamo beccati un altro paio. E anche questo mese saranno centinaia i verbali emessi grazie alle telecamere nascoste. Noi questa città la cambieremo, che a Guarino piaccia o no”.