Giugliano, le babygang colpiscono ancora. Ci scrive un altro genitore: “mio figlio è tornato a casa terrorizzato” 

Giugliano, le babygang colpiscono ancora. Ci scrive un altro genitore: “mio figlio è tornato a casa terrorizzato” 

Dopo l’episodio che abbiamo documentato questo pomeriggio (Leggi Qui) ci è appena arrivata in redazione una nuova segnalazione. Un gruppo di 20 giovinastri avrebbe tentato di approcciare in modo violento dei coetanei che spaventati sono scappati. I fatti in via Roma nel pieno centro città alle 21.

“Per fortuna un altro genitore li ha visti e gli ha dato un passaggio” ci ha riferito il padre molto preoccupato.
Non è la prima volta che a Giugliano vengono segnalate baby gang pronte ad intimorire adolescenti ma anche persone adulte. “Siamo abbandati, ci vuole più presenza di forze di Polizia” questo l’appello del genitore.

Una giovane  ragazza scrive invece su FB: “E a distanza di 2 mesi e nemmeno, io ragazzina di 14 anni sono di nuovo a scrivere qua a scrivervi cose che hanno riguardato personalmente me ed i miei amici. Stasera sono scesa per andare a fare un giro con i miei amici e nemmeno a metà serata un’altra “rissa” come quelle che ormai il nostro paese vive quotidianamente. Ovviamente non sto qui a raccontarvi come sono andate le cose ma sono qui a farvi riflettere per farvi capire come. Ormai noi ragazzini viviamo. Può essere che alla vostra epoca quando voi eravate più piccoli ,Giugliano era uno dei paesi più belli, pieno di festività diverse, dove ci si divertiva e ci si stava tutti insieme, i problemi c’erano comunque, ma non come quelli che noi abbiamo oggi, e onestamente in 14 anni di vita non sono riuscita un giorno a non sentire cose del tipo “hai visto hanno picchiato quello” o “quello sullo chalet ora sta all’ospedale”. Onestamente vorrei vivere la città di un tempo quella nella quale si viveva sereni dove si poteva scendere di casa mentre oggi ormai noi ragazzi e parlo io a nome di tutti scendiamo e proviamo a far rivivere la cittá, eppure non ci riusciamo poiché ogni giorno questi “bambini” fanno una baggianata diversa.”

Un’altra sua coetanea:  “stasera ho assistito a una delle scene più vergognose forse del mondo intero,perché tutto lo schifo che ho visto stasera non è paragonabile a niente.

parlo a nome mio e di tutte le persone che erano con me stasera,per l’ennesima volta dei ragazzi si sono comportati come veri animali, e nemmeno, nei confronti di un mio amico,voi tutti vi chiedete sempre perché a Giugliano non c’è mai nessuno,e bene ve la do io la risposta,il sindaco può migliorare tutte le strade che vuole,riempire di addobbi l’intera città ma quando lo schifo e l’inciviltà provengono dalle persone che la abitano allora si può fare ben poco.
voi adulti dovreste dare l’esempio ai vostri figli e non insegnare loro la guerra e l’odio che non portano a nulla di buono,ma ad atti di vandalismo e bullismo come quelli di stasera e altre sere! Voi adulti dovreste seguire di più i vostri figli cercare di capire i loro comportamenti e non tenerli come degli errori e buttarli in mezzo alla strada come dei rifiuti.
stasera ho visto bambini di 9 anni fumare e farsi delle canne,ma dove siamo arrivati?voi davvero pensate di riuscire a cambiare questa città parlando di pulire strade e mettere luci da dietro un computer o un telefono?e allora per quanto voi siate grandi di età il vostro ragionamento si è fermato a quando avevate 9 anni.”

FOTO DI REPERTORIO