Giugliano, il M5s alza il tiro e scende in “marcia per l’onestà”. A Marano clima teso dopo il consiglio

Giugliano, il M5s alza il tiro e scende in “marcia per l’onestà”. A Marano clima teso dopo il consiglio

Marcia per l’onestà a pochi giorni dalla sentenza del Tar sul futuro dell’amministrazione Poziello. E’ questa l’ultima mossa del movimento cinque stelle per tenere alta la tensione sulla vicenda “Giugliano”. Il prossimo 26 gennaio il Tribunale Amministrativo campano dovrà pronunciarsi sulle presunte irregolarità nelle scorse elezioni amministrative.

 

Per gli uomini di Grillo, Poziello dunque rischia il posto non politicamente ma per via giudiziaria. Intanto nell’opposizione il clima non è idilliaco e ieri non pochi sono stati i battibecchi sui social. Il pomo della discordia la Befana Coigiass, da condannare per Nicola Palma e i suoi, da plauso per gli altri della minoranza.

 

Clima tesissimo invece a Marano con il presidente Marra che sta rispettando a suo dire il diktat della prefettura e non ha riconvocato per quest’oggi il consiglio comunale per la sfiducia a Liccardo e dove l’opposizione grida invece ad una vera e propria questione democratica. Ancora però non è nota la prossima data del consiglio nel quale ci dovrebbe essere il redde rationem per l’amministrazione Liccardo.