Giugliano. Consiglio comunale, maggioranza fa dietrofront

Giugliano. Consiglio comunale, maggioranza fa dietrofront

Giugliano. Un dietrofront della maggioranza dopo che l’opposizione aveva sollevato dubbi su quanto si apprestavano a votare. Sono stati così rinviati all’unanimità due dei punti all’ordine del giorno previsti nel consiglio comunale di questa mattina a Giugliano. Gestione esterna delle entrate tributarie comunali e l’affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali all’agenzia delle entrate, questi i punti che dovevano essere già discussi nel precedente consiglio quando però saltò per mancanza di numero legale. Dopo il rinvio di quest’oggi dunque ritornano nella prossima seduta. Provvedimenti importanti a detta del primo cittadino che consentiranno una migliore gestione delle entrate comunali attraverso l’affidamento a una ditta esterna.

A sollevare le pregiudiziali in aula Alfonso Sequino e Nicola Palma. Quest’ultimo ha spiegato che mancava il parere del revisore dei conti e questo rendeva illegittimo il regolamento da approvare. “La maggioranza ha portato in aula un incartamento incompleto, sono stati furbi ad accorgersene in tempo”. Inizialmente però il sindaco e il consigliere Domenico Cecere erano intervenuti a difesa del voto a favore dicendo di poter votare con serenità i due punti.

Dopo appena qualche minuto però è arrivato il dietrofront. Andrea Guarino dell’Udc chiede il rinvio di entrambe le questioni al prossimo consiglio comunale. Rinvio passato all’unanimità. Questo ha stizzito alcuni consiglieri di maggioranza. Di Girolamo ha chiesto al primo cittadino che gli atti arrivino in aula completi. Poziello ha così replicato: “Proviamo a fare un’operazione serenità per tutti i consiglieri. Qualche giorno non cambia la situazione, abbiamo ritenuto di poter mettere tutti nella condizione di votare serenamente, maggioranza e opposizione”.