Giugliano, assalto dei malviventi alle farmacie. C’è l’ombra della camorra

Giugliano, assalto dei malviventi alle farmacie. C’è l’ombra della camorra

Giugliano. Quattro farmacie in poche settimane. Sempre nel centro storico, sempre danneggiate con le stesse modalità. Prima la farmacia Cicchetti di via Aniello Palumbo, poi la farmacia Veneto a piazza Gramsci; infine una farmasanitaria di corso Campano e ieri notte la farmacia Calvanese a pochi passi dal Comune.

Ad agire pare che sia sempre la stessa banda. Vengono divelte le serrande, forzata la porta blindata e, una volta all’interno, i ladri portano via poco o nulla. Il bottino, anche a fronte del rischio corso, ammonta spesso a poche centinaia di euro. Nel colpo di stanotte non è stato portato via niente. Soltanto danni ingenti e tanta paura per il titolare.

Gli investigatori sospettano che dietro la “banda della spaccata” agisca la criminalità organizzata e che i raid messi a segno nelle ultime notti abbiano un fine intimidatorio. L’ombra del racket? O semplicemente una dimostrazione di forza da parte di un nuovo gruppo criminale?

I segnali che lo farebbero pensare sono tanti. Il mese scorso furono esplosi anche dei colpi di pistola contro la serranda di un negozio di parrucchiere in via Magellano, oltre che a un’agenzia di viaggi sull’Appia. Episodi apparentemente scollegati ma che invece potrebbero ricondurre all’emergere di un nuovo ordine criminale a nord di Napoli di cui i negozianti sarebbero soltanto delle vittime.