Giugliano, ancora roghi: “Piove cenere”. Giovedì flash mob in piazza, Poziello annuncia l’adesione

Giugliano, ancora roghi: “Piove cenere”. Giovedì flash mob in piazza, Poziello annuncia l’adesione

Giugliano. E’ un’altra notte tossica nella Terra dei Fuochi. Mentre prosegue l’emergenza Vesuvio che sta attanagliando buona parte del Napoletano, anche a Giugliano si registrano altri roghi tossici dopo la terribile notte precedente in tutta l’area nord.

Un rogo è scoppiato nel pomeriggio in via Madonna del Pantano a Varcaturo. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco e la strada è stata chiusa per le operazioni di spegnimento. Le fiamme proseguono però anche in serata e molti cittadini della fascia costiera, preoccupati, stanno lanciando messaggi sui social. “Sta piovendo cenere in casa”, scrivono in tanti.

Intanto giovedì sera si terrà un flash mob al centro ed anche il sindaco ha annunciato la sua adesione. L’amministrazione comunale decide dunque di scendere in strada anche se poche settimane fa, attraverso un manifesto, aveva diffuso dati parlando di diminuzione di roghi tossici scatenando una forte polemica politica. “Aderiamo al Flash mob contro i roghi tossici. – fa sapere Antonio Poziello – L’Amministrazione comunale aderisce al Flash Mob organizzato per giovedi 13 luglio, ore 21 in Piazza Matteotti a Giugliano, dal gruppo Facebook “Giuglianesi Orgogliosi”. Andiamoci tutti e mobilitiamo quante più persone possibile!”

“Intanto, – aggiunge il primo cittadino giuglianese – facciamo anche qualcosa di concreto per fermare i roghi: denunciamo chi abbandona rifiuti e chi gli dà fuoco. In pochi giorni, attraverso la pagina “I farabutti del quartierino”, sono arrivate tantissime denunce, inoltrate alla Polizia Municipale, che, grazie a queste segnalazioni è sulle tracce dei “farabutti” che ci avvelenano. Salviamoci la salute, denunciamo i farabutti!”