“Giornata del Ringraziamento” a Giugliano: doni devoluti alle case d’accoglienza

“Giornata del Ringraziamento” a Giugliano: doni devoluti alle case d’accoglienza

Giugliano. “Chi inquina commette peccato mortale”. Lo ha detto il cardinale Crescenzio Sepe stamani nel corso dell’omelia alla chiesa dell’Annunziata di Giugliano per la “Giornata del Ringraziamento” della Coldiretti. Una celebrazione solenne dedicata all’agricoltura, alla nostra terra ed ai suoi frutti.

In prima fila anche il sindaco di Giugliano Antonio Poziello, il vice sindaco Domenico Pianese, il capitano dei carabinieri Antonio De Lise, il presidente del consiglio comunale Luigi Sequino, il comandante della polizia municipale Maria Rosaria Petrillo e Vincenzo Di Nardo, presidente Coldiretti Giugliano. Un evento regionale che ha portato nella piazza giuglianese anche agricoltori dalle altre province campane per esporre i prodotti di qualità della Campania Felix.

“Si commettono delle gravi infedeltà prima contro le nostre comunità e poi contro Dio, chi agisce così offende Dio. La terra è figlia di Dio. – ha detto Sepe nel parlare di una terra spesso maltrattata dall’uomo – Quando mangiamo una mela ci fa bene.”

Il cardinale ha poi sottolineato che “i vescovi chiedono che le coltivazioni siano sostenibili e diversificate. Contro tutti i fertilizzanti inquinanti”. Dopo la messa ci sarà poi la benedizione dei mezzi agricoli in piazza. E’ possibile seguire qui la diretta.

Tutti i doni saranno devoluti a case di accoglienza e mense per i poveri della zona. Premiato anche il socio più anziano della Coldiretti. “Terra sana che ha grandi aziende che sfidano ogni giorno costi di produzione che si alzano. Istruzioni dobbiamo sostenerli a tutti i costi e ribaltare il marchio di Terra dei Fuochi. La parte di territorio inquinata è molto piccola. Come amministrazioni dello Stato ci stiamo sforzando di rinaturalizzare mettendo abeti lì dove ci sono rifiuti. Qui a Giugliano ci sarà di nuovo la fiera della frutta. Sosterremo i vostri sforzi. Il vescovo Spinillo è riuscito a mettere insieme i sindaci di tre province per un marchio di sanità territoriale. Proveremo a dare forza alla nostra economia agricola”. Queste invece le parole del sindaco Poziello dall’altare dopo aver consegnato un dono al cardinale Sepe.

LE FOTO:

452e2315-dadc-4311-906d-91a2f4e1b6f8 8b1f83e3-7389-4fc8-8fd3-0f9a23af59c8 83d7dcfb-41cf-4310-a1bc-2d2dc04bd79f