Giallo di Villaricca, si seguono 3 piste per l’omicidio di “nonna Sisina”

Giallo di Villaricca, si seguono 3 piste per l’omicidio di “nonna Sisina”

Villaricca. Legata ed imbavagliata nella sua stanza da letto, proseguono le indagini. Sono tre i punti fondamentali sui quali stanno indagando i carabinieri di Giugliano, diretti dal capitano Antonio De Lise, per la morte di Teresa Castellone detta Sisina, l’anziana trovata morta in casa l’altra mattina su Corso Europa. Sul corpo è stata effettuata l’autopsia che sarà utile a chiarire le modalità della morte della donna. Si capirà se è deceduta prima di essere stata legata, ipotesi che prevede un camuffamento della scena del delitto e un depistaggio delle indagini, oppure se è morta per soffocamento dovuto dal fazzoletto appostole sulla bocca o infine per infarto dato dalla paura.

Le piste intanto restano sempre tre. O la rapina finita male, o una truffa o un episodio legato a qualche persona a lei vicina. Sisina infatti non avrebbe permesso ad estranei di entrare in casa a meno che non fosse stata raggirata in qualche modo. Il viale è pieno di persone che la conoscono (la casa ha un ingresso anche nella traversa di via Puccini alle spalle della circumvallazione) e che avrebbero notato qualche viso sconosciuto. I carabinieri stanno interrogando tutti i residenti del viale e cercando di ricostruire la dinamica dei fatti. Per adesso però resta il giallo. Ulteriori risposte si attendono anche dalle analisi sui rilievi della Scientifica.