Faida di camorra nell’area nord, ecco chi “comanda” dopo gli ultimi arresti

Faida di camorra nell’area nord, ecco chi “comanda” dopo gli ultimi arresti

Napoli. Pistole, munizioni, coltelli ed addirittura un kalashnikov. Un vero e propio arsenale della camorra è stato sequestro dagli agenti del commissariato di Scampia nel corso di alcune perquisizioni domiciliari tra i quartieri di Piscinola, Marianella, Chiaiano e Miano, area dove in corso uno scontro per il riassetto degli equilibri criminali. In manette sono finiti padre e figlio: Antonio Amato, di 57anni, ed il figlio Vittorio, di 30anni, quest’ultimo cugino di Salvatore Corrado, vittima di un agguato di camorra, due settimane fa, ucciso insieme a Domenico Sabatino, nel quartiere Miano.

I due sono ritenuti alleati ai Nappello, gruppo criminale vicino ai vecchi capi e attivo nella periferia Nord, dove è in corso una guerra a colpi di omicidi e ferimenti tra elementi emergenti della criminalità organizzata. La zona fino a poco fa era considerata la roccaforte del clan Lo Russo, i cosiddetti Capitoni, ora messi in ginocchio da numerosi arresti e pentimenti eccellenti, tra cui per ultimo quello del ras Carlo Lo russo che sta raccontando i segreti della cosca all’Antimafia.

Non è escluso che l’arsenale finito sotto chiave servisse proprio ad Antonio e Vittorio Amato per preparare una vendetta contro gli storici affiliati del clan dei Capitoni dopo l’omicidio di Salvatore Corrado. Una risposta armata necessaria a non soffocare sotto i colpi della vecchia guardia del clan che ancora comanda tra Miano e Piscinola.

Scissioni e vuoti di potere hanno reso l’area di nuovo instabile. Da un lato cellule interne che vogliono approfittare della fine dei Lo Russo per prendere il loro posto. Dall’altro +storiche famiglie criminali come Di Lauro e Licciardi che sarebbero alla finestra in attesa di evoluzioni. Infine il gruppo di Walter Mallo, che pure aveva tentato la guerra con i Lo Russo, è stato definitivamente smantellato ieri con l’arresto di Rudi Rizzo, altro fedelissimo del baby boss finito In cella.