Da volontari a ladri, tre campani sorpresi a rubare in un deposito

Da volontari a ladri, tre campani sorpresi a rubare in un deposito

I carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Capua, al comando del capitano Francesco Mandia, hanno fermato e identificato tre ladri mentre tentavano di smontare termosifoni e finestre in alluminio all’interno del deposito dell’Iside, in località Ferrazano, nel territorio di Bellona. I tre finiti in manette, come riporta il mattino, sono tutti originari di Capua. Si tratta di Fabio Pucillo, 36 anni, e Francesco Del Prete, 48 anni e Massimo Di Girolamo, 45 anni.

All’esterno del muro perimetrale, raccolti per essere poi caricati su un motoape parcheggiato poco distante, i militari hanno anche trovato altri trenta termosifoni, due porte antipanico, quattro copri cassonetti e nove finestre, sempre in alluminio, con relativi angolari. Nel cassone del veicolo i militari hanno infine rinvenuto due bidoni in plastica, stracolmi di componenti idrauliche e accessori per termosifoni.

Il materiale rubato è stato immediatamente restituito al legittimo proprietario, mentre gli arnesi da scasso, utilizzati per accedere all’interno dello stabilimento, sono tuttora sotto sequestro. Accusati di furto aggravato in concorso, i tre concittadini sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo.

I tre arrestati avevano anche collaborato alla consegna di alimenti e beni materiali alle famiglie terremotate a Norcia, il piccolo Comune in provincia di Perugia, ma sono stati ieri sorpresi a rubare all’interno dello stabilimento.