Crollo a Torre Annunziata, i vigili del fuoco: “Scenario complesso”. Area sequestrata

Crollo a Torre Annunziata, i vigili del fuoco: “Scenario complesso”. Area sequestrata

Torre Annunziata. Nessuno sopravvissuto al crollo, stamani sono stati recuperati gli ultimi corpi rimasti sotto le macerie. “Fin dal primo momento, quando siamo giunti sul posto, alle 6:30 di ieri mattina, ci siamo resi conto immediatamente che lo scenario era estremamente complesso e complicato” dice Emanuele Franculli, comandante provinciale dei vigili del fuoco, spiegando le operazioni di intervento sul luogo del crollo dell’edificio a Torre Annunziata.

“L’ unica via di accesso era ed è un ponticello delle Ferrovie dello Stato estremamente stretto – aggiunge Franculli – Mentre si cominciava a lavorare a mani nude, abbiamo dovuto allargare la via di accesso per poter arrivare sul posto con un piccolo mezzo meccanico di movimento terra. Dopodiché il lavoro è stato ancora più complicato perché le macerie si presentavano compatte. Quindi, quando abbiamo trovato i primi corpi, sono apparsi completamente avvolti dalle macerie”. I corpi, fa sapere il comandante, “erano intrappolati nelle macerie che si erano depositate per una altezza di circa tre metri sul solaio del secondo piano”.

La Procura di Torre Annunziata ha posto sotto sequestro l’area interessata dal crollo della palazzina. Sul posto questa mattina era presente il pm titolare dell’inchiesta, Andreana Ambrosino. La Procura già ieri ha aperto un fascicolo per disastro colposo e omicidio plurimo. Non risultano al momento persone indagate. Il Presidente Vincenzo De Luca questa mattina si è recato a Castellammare, prima all’ospedale e poi al cimitero, dove ha incontrato i familiari delle vittime. “Ho voluto portare solidarietà e vicinanza umana alle famiglie colpite da questa tragedia. Non dimenticheremo e non lasceremo soli quanti hanno perduto tutto”, ha dichiarato De Luca.