Crisi del mattone, calano i prezzi: -1,2% in Campania

Crisi del mattone, calano i prezzi: -1,2% in Campania

L’andamento del mercato immobiliare in Campania non è buono, come non lo è in tutto il resto d’Italia. Questa non è certo una sorpresa dato che è da diversi anni ormai che si assiste a un inesorabile ribasso dei prezzi. Oggi però siamo arrivati a un punto davvero allarmante con un -30% su quello che è il valore d’acquisto. E meno male che fino a poco prima che scoppiasse la crisi l’investimento nel mercato immobiliare era considerato un investimento sicuro. Oggi purtroppo non è più così e chi una decina d’anni fa ha acquistato una casa adesso si ritrova con un immobile che genera più costi che profitto, basti pensare solamente alle tasse elevate che si pagano sulla seconda casa.

La situazione del mercato immobiliare in Campania

Se in generale il calo annuo è pari al 5,1% (su quegli immobili che hanno un valore medio di 1888 euro al metro quadro), in Campania il calo è dell’1,2%. Alla fine si può anche tirare un sospiro di sollievo rispetto al calo registrato, per esempio, nella Valle D’Aosta o in altre regioni. Allora vediamo nello specifico che nel mese di Aprile, per un immobile residenziale venivano richiesti in Campania mediamente 1.939 euro al metro quadro. Nello stesso mese del precedente anno la richiesta era di 1.991 euro al metro quadro. La diminuzione è stata quindi del 2,61% su base annua. Eppure il prezzo massimo era stato toccato a maggio del 2015, con una richiesta di 2.031 euro al metro quadro, quindi stiamo comunque parlando di un periodo in cui la crisi era già arrivata.

La situazione nelle altre regioni d’Italia

E nel resto d’Italia le cose come vanno? Non c’è da stare allegri, anzi, in Campania tutto sommato il calo dei costi degli immobili non è così drammatico. Infatti, in Valle D’Aosta si registra un -6,3%, in Liguria un -3,6%. Sono solo tre le regioni che hanno invece registrato un aumento dei prezzi degli immobili: Friuli Venezia Giulia e Marche, con un +0,9% e Trentino Alto Adige con un +1,5%.

Conviene acquistare casa adesso

Appare abbastanza chiaro dunque che chi ha la possibilità deve acquistare casa ora. Chi ha già da parte dei risparmi può iniziare a guardarsi attorno e procedere all’acquisto, chi non li ha può valutare la richiesta di un mutuo. In particolare il canale più conveniente al momento sembra essere quello del web: infatti secondo la guida ai mutui online di Calcolaratamutuo.org  solo da Gennaio a Maggio 2017 il numero di richieste di preventivi online è salito del 22% rispetto all’anno precedente.

Ovviamente non in tutta Italia il costo al metro quadro è uguale, in alcune regioni si registra addirittura un piccolo aumento dei costi. Per esempio, in Liguria si possono arrivare a spendere anche 2.647 euro al metro quadro e si posiziona quindi come la regione più cara sotto questo aspetto. Segue poi il Lazio, con 2.538 euro e Trentino Alto Adige con 2.423 euro. La regione più economica? La Calabria, con 918 euro al metro quadro.