Controllo mafioso dei mercati ortofrutticoli, un affiliato finisce in cella

Controllo mafioso dei mercati ortofrutticoli, un affiliato finisce in cella

Le mani della criminalità organizzata sull’ortofrutta. I Carabinieri del Comando Stazione di San Marcellino hanno tratto in arresto Antonio Pagano, cl. 38, del luogo, destinatario di ordinanza di custodia, emessa dalla Corte di Appello – ufficio esecuzione di Napoli, in quanto deve espiare la pena residua della reclusione di anni 5, mesi 3  e giorni 27, per i reati di associazione di tipo mafioso, illecita concorrenza con minaccia e violenza  e ricettazione, commessi in data prossima ed antecedente al 10 maggio 2010.

L’indagine, a suo tempo condotta dal centro D.I.A. di Roma e dalla Squadra Mobile della Questura di Caserta consentì di accertare, tra l’altro, la ripartizione del controllo del trasporto di prodotti ortofrutticoli nell’Italia centro-meriodionale tra sodalizi mafiosi campani (Casalesi e Mallardo), calabresi e siciliani e l’egemonia del controllo del “clan dei casalesi” sul mercato ortofrutticolo di Fondi (Latina). Nell’operazione fu coinvolto anche il mercato di Giugliano.

Le risultanze investigative consentirono al Tribunale di Napoli, su richiesta della Dda partenopa, di emettere ordinanze applicative di misure cautelari confronti di 68 persone ed il sequestro di beni mobili ed immobili per complessivi 90 milioni di euro, eseguiti in data 10 maggio 2010. L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

foto: archivio