Controlli a tappeto tra Casoria, Arzano e Caivano. Otto arresti

Controlli a tappeto tra Casoria, Arzano e Caivano. Otto arresti

Hinterland.  Il servizio coordinato ad alto impatto ha portato all’arresto di 8 persone e a 9 denunce a piede libero. Due fratelli conducevano attività di spaccio insieme, nella fattispecie si trattava di cocaina. Ma i carabinieri, grazie ad un servizio di osservazione, dopo la cessione di alcune dosi ad un cliente, hanno posto fine all’attività, arrestando in flagranza Simona e Gregorio Gambardella, cl. ’81 e ’86, di Casoria, già noti alle forze dell’ordine. Addosso i due fratelli avevano ancora 21 dosi di cocaina (complessivi 10 gr.) e contanti per 250 euro, ritenuto provento di attività illecita.

Arrestato invece per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, un 50enne di Arzano, già noto alle forze dell’ordine. Nel corso di una lite con un familiare, sono intervenuti i carabinieri nel loro cortile condominiale e il 50enne si è scagliato contro i militari, venendo immediatamente arrestato.

Arresto per contrabbando quello a carico di Pasquale Centomani, 23enne di Caivano, perché nel corso della perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 1.000 pacchetti di sigarette di varie marche: erano 20 chili.

Arrestati in esecuzione di misura cautelare:
— Giuseppe Gagliardi, 23enne di casoria, già noto alle ff.oo. è stato tratto in arresto in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dal tribunale di napoli nord per il reato di detenzione e spaccio commesso a casoria nel 2014: dovrà scontare 2 anni e 9 mesi di reclusione.
— Salvatore Merolla, 56enne, di Casoria,  colpito da ordine di carcerazione della corte di appello di napoli: il reato è “sversamento di rifiuti pericolosi”, che aveva commesso ad arzano nel 2009: dovrà scontare 6 mesi di reclusione.
— Salvatore Castaldo, 39enne di Casoria, colpito da ordine di carcerazione emesso dal tribunale di cassino per inosservanza degli obblighi imposti dall’a.g. dovrà scontare 1 mese di reclusione.
— Pasquale Amato, cl. ’83, di Afragola,  arrestato su ordine di esecuzione di pene concorrenti emesso dal tribunale di sorveglianza di napoli. sconterà 1 anno di reclusione.

Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti ai domiciliari, ad eccezione del 50enne che è in attesa di rito direttissimo.

Eì scattata inoltre denuncia in stato di libertà per 9 persone: 4 per furto aggravato di energia elettrica, una per violazione della misura dell’allontanamento dalla casa familiare, una per furto aggravato di merce dall’esercizio commerciale “ikea”, una per falsa attestazione a un pubblico ufficiale sulla propria identità, una per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e una per detenzione illegale di 21 cardellini –specie protetta -, attività illecita scoperta in collaborazione con l’ente nazionale protezione animali.