Consiglio sul Dup, Pd assente in aula: “Non partecipiamo a questa farsa. Maggioranza ai comandi del sindaco”

Consiglio sul Dup, Pd assente in aula: “Non partecipiamo a questa farsa. Maggioranza ai comandi del sindaco”

GIUGLIANO. “Il gruppo consiliare del PD ha deciso di non presentarsi in Consiglio Comunale per non dare luogo ad una ennesima farsa, ad una ennesima presa in giro di noi consiglieri e, quindi, dei cittadini giuglianesi.
Oggi 23/02/16 siamo chiamati ad approvare il DUP (Documento Unico di Programmazione) che contiene una visione d’insieme delle politiche del Comune e del loro rapporto con le strategie nazionali e fornisce una serie di informazioni fondamentali sulla città, sul territorio, sulla struttura e le politiche dell’ente e sulle norme di riferimento per la formazione del bilancio e per la gestione della pubblica amministrazione.
Un documento, quindi, di fondamentale importanza che avrebbe dovuto, quanto meno vedere il contributo ed il vaglio preventivo anche delle singole commissioni. Come sempre, nulla di tutto ciò è avvenuto.
Ancora una volta, si va avanti a colpi di maggioranza, senza dialogo alcuno con le altre forze politiche.
Peraltro, questa amministrazione ha messo a disposizione di noi consiglieri e della città il DUP solo pochi giorni prima del consiglio stesso, senza dare pertanto a nessuno la possibilità di “condividerlo veramente”, proporre modifiche sostanziali oppure sollevare questioni su eventuali errori; non è un DUP “partecipato”…. Ora diciamo basta! La democrazia in questa città non può continuare ad essere così offesa. I cittadini che noi rappresentiamo non possono più essere sempre all’oscuro di quanto avviene nella macchina comunale.
Questa mancanza di trasparenza è divenuta insostenibile ed a questo gioco non ci vogliamo stare! Non voteremo atti di cui non abbiamo condiviso il contenuto. Si assumessero altri questa responsabilità. Se la assumesse questa maggioranza, prona ai “comandi” di un Sindaco che non sa cosa sia il confronto democratico con le forze politiche che compongono l’Assise, contravvenendo quotidianamente alle regole basilari della vita democratica”.

Gruppo consiliare del Pd.