Clan Mallardo, aggravamento dell’accusa per l’ex portiere del Napoli

Clan Mallardo, aggravamento dell’accusa per l’ex portiere del Napoli

Giugliano. “Un ex capitano del Napoli favoriva la cosca”. Associazione di stampo mafioso con il ruolo di partecipe: è l’accusa infatti che il pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli Maria Cristina Ribera ha contestato ieri all’ex portiere del Napoli Pino “Batman” Taglialatela nell’udienza di un processo nel quale l’ex calciatore era già accusato di intestazione fittizia di alcuni autoveicoli, in particolare un motociclo T Max.

La modifica e aggravamento dell’accusa deriva da informative del Gico della Guardia di Finanza secondo le quali Taglialatela (portiere del Napoli per cinque stagioni a partire dal 1993) sarebbe stato una “testa di legno” di un presunto affiliato di clan Mallardo di Giugliano, Mauro Moraca, che aveva in uso alcuni veicoli intestati all’ex calciatore (Operazione “Crash” eseguita dal Gico nel 2012). Secondo l’avvocato Giuseppe Pellegrino, difensore di Moraca, – come riporta l’agenzia Ansa –  i veicoli erano intestati a Taglialatela solo per beneficiare del fatto che lui è residente sull’isola di Ischia. Il processo, in corso davanti alla quarta sezione penale del Tribunale di Napoli, proseguirà il prossimo primo luglio.