Choc al cimitero di Poggioreale. Ossa ammassate in un loculo lasciato aperto.

Choc al cimitero di Poggioreale. Ossa ammassate in un loculo lasciato aperto.

Napoli. “La situazione del cimitero di Poggioreale, uno dei più grandi d’Europa, è ai limiti del collasso e serve un’azione straordinaria, anche se il groviglio di proprietà e competenze rende tutto più difficile”. A lanciare l’allarme i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli che ha pubblicato sulla sua pagina facebook la foto di un loculo aperto in cui sono ammassate diverse ossa.

“Quella foto è solo una delle tante che raccontano di un cimitero in pessime condizioni, al di là dell’assoluta mancanza di rispetto per i defunti” ha continuato Borrelli che, con i consiglieri comunali Stefano Buono e Marco Gaudini, nelle scorse settimane, aveva fatto un sopralluogo insieme all’allora dirigente dell’Ufficio cimiteri, Andrea De Giacomo, e al presidente della Commissione cimiteri, Carmine Sgambati “per cercare soluzioni immediate contro il degrado dilagante”.

“Nel corso del sopralluogo, constatammo i passi in avanti fatti nella zona nuova, ma evidenziammo anche le tante criticità esistenti, ricevendo ampie rassicurazioni su interventi immediati” hanno raccontato i Verdi aggiungendo che “De Giacomo, però, ha lasciato il suo incarico perché è stato nominato alla guida della Napoli Servizi, e le condizioni del cimitero fanno pensare che qualcosa s’è fermato nel programma di riqualificazione che s’era progettato”.

“Un programma di riqualificazione che non è facile da portare avanti, sia per la mancanza di fondi, ma anche per la confusione che regna quando si vuole capire le reali competenze e proprietà di loculi e cappelle, soprattutto di quelli più vecchi dove risulta difficile anche riuscire a rintracciare gli eredi dei proprietari che risultano agli atti” hanno aggiunto i Verdi sottolineando che “attraversando il cimitero di Poggioreale, purtroppo, si continua ad avvertire una sensazione di degrado e abbandono, oltre che di pericolo, e a farla da padroni sono incivili e delinquenti che approfittano della confusione per commettere piccole e grandi illegalità, come circolare nei viali con auto e scooter, usare il cimitero come parcheggio, vendere loculi non propri, abbattere e ricostruire cappelle senza alcuna autorizzazione e tante altre illegalità che vanno combattute”.

“Nell’immediato bisogna intervenire almeno per chiudere in qualche modo i loculi aperti e per mettere in sicurezza le strutture che sono palesemente pericolanti” hanno concluso i Verdi per i quali “la situazione è davvero molto preoccupante e potrebbero esserci anche crolli viste le crepe che si vedono in alcune cappelle”.