Chi ha vinto gli oscar 2017. Tutti i vincitori

Chi ha vinto gli oscar 2017. Tutti i vincitori

La notte degli Oscar si è finalmente conclusa. Al Dolby Theatre di Los Angeles la giuria ha decretato i vincitori di quest’anno. Con un colpo di scena il film che ha vinto è stato Moonlight di Barry Jenkins (trailer in fondo), pellicola che ha avuto la meglio sul favoritissimo La La Land.

Erano le sei del mattino italiane quando sul palco degli oscar ci sono momenti di confusione. Il premio come Miglior Film viene assegnato per un attimo a La La Land. Cast e produttori in mezzo alla folla già festeggiano, ma poi salgono sul palco due persone che ammettono uno sbaglio. C’è stato un errore nella consegna delle buste. A vincere è stato Moonlight.

La La Land deve accontentarsi di soli sei oscar, tra cui quello della regia a Damien Chazelle, quello di migliore attrice ad Emma Stone e migliore fotografia. Palbabile comunque la delusione della produzione: “Abbiamo perso”, ha ammesso. Tra gli sconfitti anche Fuocoammare di Gianfranco Rosi, unica pellicola italiana nominata agli Oscar nella cinquina dei miglior film documentario. Per il documentario italiano resta soltanto la nomination.

Grande successo per Casey Affleck, vincitore della statuetta come migliore attore protagonista (già vincitore del Golden Globe nella stessa categoria) in Manchester By the Sea. Casey è il fratello minore di Ben Affleck. Trionfa anche Viola Devis, reduce di una grandissima interpretazione come attrice non protagonista in Fences. Vediamo nel dettaglio chi ha vinto gli Oscar 2017 nelle singole categorie.

MIGLIOR FILM

Moonlight: il racconto intenso della educazi0ne sentimentale di un ragazzo afroamericano che vive nei sobborghi di Miami e che, crescendo, si scopre gay.

MIGLIOR REGIA

Damien Chazelle, per il film La La Land: il musical da 14 nomination, il racconto di due sognatori a Hollywood, la cameriera aspirante attrice che serve cappuccini alle star tra un provino e l’altro e il pianista di jazz che sogna un locale tutto suo, ha comunque conquistato i membri dell’Academy. Il suo regista, 32 anni da pochi giorni, il più giovane a vincere un Oscar.

ATTORE PROTAGONISTA

Casey Affleck (Manchester by the Sea): L’attore interpreta magistralmente un uomo stanco e sconfitto, tormentato dal suo tragico passato. Sarà la morte del fratello e la nuova condizione di tutore del nipote a riportarlo nella vecchia comunità da cui era fuggito.

ATTRICE PROTAGONISTA

Emma Stone (La La Land):  la 28enne dell’Arizona ha ringraziato le colleghe “siete state stroardinarie vi guardo e vi ammiro più di quanto riesca ad esprimere” e una lunga lista di familiari e amici. “In un momento come questo, una confluenza di fortuna e opportunità, voglio ringraziare chi mi ha offerto un progetto così speciale che capita una volta nella vita”.

ATTORE NON PROTAGONISTA

Mahershala Ali (Moonlight): il super favorito, la sua interpretazione ha commosso e spiazzato il pubblico, è il primo mussulmano a vincere un oscar.  Con questo importantissimo premio, l’89esima edizione degli Accademy Awards intende controbattere le idee del Muslim Ban, legge del neo Presidente eletto che vieta ai musulmani di determinati stati il divieto di accedere negli Stati Uniti.

ATTRICE NON PROTAGONISTA

Viola Davis (Fences): premiata per il suo ruolo in ” Barriere” (questo il nome italiano del film) la storia di una ex promessa del baseball che lavora come netturbino a Pittsburgh e della sua complicata relazione con la moglie, il figlio e gli amici. “Sono diventata un’artista perché è l’unica professione che celebra cosa significa vivere la vita” ha continuato, prima di ringraziare tra le lacrime il cast di Barriere, la sua famiglia e il “capitano Denzel Washington“, regista e co-protagonista del film.

SCENEGGIATURA ORIGINALE

Manchester by The Sea

SCENEGGIATURA ADATTATA

Moonlight

MIGLIOR FILM STRANIERO

Il Cliente (Iran): pellicola già premiata al Festival di Cannes, racconta una storia in cui si intrecciano teatro e quotidianità, che riguarda una giovane coppia di attori costretta a lasciare la propria casa al centro di Teheran a causa di urgenti lavori di ristrutturazione. Un amico li aiuta a trovare una nuova sistemazione, senza raccontare nulla della precedente inquilina che sarà invece la causa di un “incidente” che sconvolgerà la loro vita.

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

Zootropolis

MIGLIOR FOTOGRAFIA

La La Land

MIGLIOR MONTAGGIO

Hacksaw Ridge

MIGLIOR SCENOGRAFIA

La La Land

MIGLIORI COSTUMI

Fantastic Beasts and Where To Find Them

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURE

Suicide Squad

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI

Il Libro della Giungla

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

Hacksaw Ridge

MIGLIOR COLONNA SONORA ORIGINALE

La La Land

MIGLIOR CANZONE

City of Stars (La La Land)

MIGLIOR DOCUMENTARIO

OJ: Made in America: un documentario che esplora due delle più grandi fissazioni degli Stati Uniti, la razza e la celebrità, e lo fa attraverso la vita di OJ Simpson, dai suoi inizi come promettente giocatore di football alla University of Southern California, passando per il grande successo popolare, fino all’accusa per l’omicidio.

MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO

The White Helmets

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
Sing

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’ANIMAZIONE

Piper