Castel Volturno, sindaco picchiato durante la fiaccolata per Francesco Pio: “Non erano autorizzati”

Castel Volturno, sindaco picchiato durante la fiaccolata per Francesco Pio: “Non erano autorizzati”

Ha rischiato grosso il primo cittadino di Castel Volturno, Dimitri Russo. Il sindaco sarebbe stato aggredito e malmenato da un gruppo di manifestanti perché contrario alla fiaccolata abusiva in ricordo di Francesco Pio Margheron, morto qualche giorno fa in un incidente sulla Domitiana.

Il ragazzo stava percorrendo l’arteria stradale in scooter, assieme ad un amico di 21 anni, quando una bici è comparsa all’improvviso, tagliandogli la strada e provocando il sinistro. Un terribile incidente che è stato fatale per Francesco; l’amico con cui viaggiava a bordo dello scooter ha riportato, per fortuna, qualche ferita. La morte di Francesco ha gettato nello sconforto l’intera comunità di Destra Volturno, che in memoria del ragazzo ha organizzato una fiaccolata.

Durante la manifestazione, decine di persone hanno sfilato davanti al Comune protestando anche contro il Sindaco. Russo sarebbe stato accusato dai manifestanti di non essersi preoccupato abbastanza delle condizioni in cui riversano le strade, soprattutto quel tratto di strada in cui si è verificato l’accaduto.

Il corteo sarebbe proseguito sino alla Domitiana, ma il sindaco ha interrotto la sfilata motivando la sua decisione ai presenti: i cittadini non potevano continuare a sfilare senza aver richiesto dapprima un’autorizzazione. Parole che non sono andate giù a molti, provocando la rissa: alcuni ragazzi avrebbero raggiunto Russo per picchiarlo selvaggiamente. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine, che hanno aiutato il primo cittadino a mettersi in salvo all’interno del Comune. La calma è ritornata in città soltanto dopo qualche minuto.