Casoria, sorpresi a ricettare connettori da 2 milioni di euro: arrestati in tre dai carabinieri di Giugliano

Casoria, sorpresi a ricettare connettori da 2 milioni di euro: arrestati in tre dai carabinieri di Giugliano

Dipendenti infedeli rubano connettori Telecom per 2 milioni di euro in provincia di Salerno. I carabinieri li beccano dal ricettatore sulla circumvallazione esterna. Arrestati dai carabinieri della Tenenza di Melito coordinati dalla Compagnia di Giugliano ben 3 soggetti.

Si tratta di Gennaro Sidari, un 42enne di Torre del Greco e Francesco Tortora, 56enne, di Comiziano, entrambi addetti alle pulizie per conto della Telecom e ritenuti responsabili di furto aggravato in concorso di circa 2.000 connettori elettronici del tipo a slot rubati la scorsa notte in cabine della telecom di Eboli (in via Corno d’Oro) e Battipaglia (via Pascoli). I furti causano ovviamente anche molti disagi agli utenti. A quanto pare i pezzi rubati venivano poi smontati per recuperare rame e altro.

Dopo aver perpetrato i reati Sidari e Tortora sono stati sorpresi nel capannone a Casoria di Giovanni Perrella, un 43enne di Casoria già noto alle forze dell’ordine, che viene ritenuto responsabile della ricettazione del materiale informatico.

A Casoria, nel citato capannone situato all’interno di un autoparco sulla circumvallazione esterna, è stata recuperata l’intera refurtiva del valore complessivo di circa 2.000.000 di euro, sottoposta a sequestro e che verrà restituita alla telecom. Gli arrestati attendono il rito direttissimo.