Caso Fortuna, il presunto orco ingerisce una lametta in cella

Caso Fortuna, il presunto orco ingerisce una lametta in cella

NAPOLI. Il presunto orco di Caivano, Raimondo Caputo, ha ingoiato una lametta in carcere. L’uomo è detenuto perchè accusato dell’omicido della piccola Fortuna Loffredo (violentata ed uccisa) al Parco Verde di Caivano. L’episodio, ritenuto un atto dimostrativo, è avvenuto oggi durante i colloqui nel carcere di Poggioreale. A confermarlo è stato anche – scrive Il Mattino – il direttore della casa circondariale.

Caputo avrebbe messo la lametta in bocca prima di entrare nella sala. E’ stato subito soccorso e le sue condizioni, dopo il tentativo di suicidio, non sarebbero gravi. L’uomo, ed anche la direzione del carcere, ha chiesto più volte il trasferimento in un altro carcere. Appena entrata in cella infatti ha subito anche un violento pestaggio da altri detenuti.