Caserta, Luca Abete picchiato in Piazza Pitesti finisce all’ospedale. VIDEO

Caserta, Luca Abete picchiato in Piazza Pitesti finisce all’ospedale. VIDEO

Aggressione per Luca Abete di Striscia la Notizia. L’inviato del tg satirico l’altro ieri sera a piazza Pitesti, zona centrale di Caserta, è stato accerchiato e picchiato da un gruppo di venditori ambulanti abusivi armati di mazze e bastoni. Vittima dell’aggressione anche la troupe di operatori Mediaset, come mostra il video andato in onda ieri sera su Canale5.

Abete, che già aveva realizzato un servizio nella stessa piazza qualche mese fa, ha cercato di dissuadere gli aggressori. In cinque hanno staccato alcuni rami dagli alberi della piazza e hanno cominciato a lanciarli contro l’inviato ferendolo a un sopracciglio. Accerchiato, il giornalista ha tentato di rifiguarsi all’interno di una piadineria insieme ai cineoperatori.

Purtroppo, però, è stato raggiunto all’interno del locale dalla banda di immigrati e preso a calci e pugni. A salvarlo dalla furia del branco soltanto l’intervento della polizia allertata dai presenti che assistevano alla scena. All’arrivo degli agenti del locale commissariato gli aggressori – a quanto pare tutti immigrati – si sono dati alla fuga.

Luca Abete è stato poi condotto al pronto soccorso dell’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano per accertamenti. Per fortuna nessun danno grave ma soltanto evidenti contusioni dovute alle percosse subite. Le riprese erano collegate a un servizio precedente, andato in onda su Canale 5 lo scorso 15 dicembre, che mostrava piazza Pitesti a Caserta completamente invasa da immigrati abusivi dediti a vendere merce contraffatta.

“Un gruppo di extracomunitari hanno aggredito me e il mio staff con pugni, calci e bastoni – ha spiegato Luca Abete attraverso un post pubblicato sulla sua fan page -. Attrezzature distrutte, dolori dappertutto, ma poteva andarci peggio. Voglio dire grazie alle persone che intervenendo ci hanno salvato la vita!”

GUARDA IL VIDEO

LEGGI ANCHE: LUCA ABETE PICCHIATO DA UN RIVENDITORE DI AUTO. IL VIDEO