Casalesi, si pente luogotenente di Zagaria. Può fare luce su rapporti camorra, politica e imprenditoria

Casalesi, si pente luogotenente di Zagaria. Può fare luce su rapporti camorra, politica e imprenditoria

Dopo Massimiliano Caterino un altro storico luogotenente dell’ex boss del Casalesi Michele Zagaria diventa collaboratore di giustizia: si tratta di Michele Barone da Casapesenna (Caserta), per anni feudo incontrastato proprio del superboss soprannominato “capa storta”, catturato il 7 dicembre del 2011 in un bunker. La collaborazione di Barone potrebbe aprire agli inquirenti della Procura della Repubblica di Napoli (pm Maurizio Giordano e Catello Maresca, quest’ultimo colui che catturò Zagaria dopo 16 anni di latitanza) importanti scenari sui rapporti tra mafia casalese, politica e imprenditoria.

Oggi, nell’ambito di un’udienza del processo Medea, che la scorsa settimana ha visto la condanna di due imprenditori legati alla fazione Zagaria del clan del cemento – Luciano Licenza e Bartolomeo Piccolo – il pm Maurizio Giordano ha illustrato un primo verbale di dichiarazioni del neo pentito. I parenti di Michele Barone, recluso al 41bis, sono stati trasferiti in nuove località protette.