Calcioscommesse, arrivano le richieste della Procura per Izzo, Pisacane e Castaldo

Calcioscommesse, arrivano le richieste della Procura per Izzo, Pisacane e Castaldo

Arriva la richieste della Procura della figc per il caso clacio scomesse. “Una stangata, non me l’aspettavo: uscirà tutta la verità ma ora sto vivendo un incubo”. Così il calciatore napoletano del Genoa e del giro della nazionale azzurra, Armando Izzo, appena apprese le richieste della Procura federale della Figc di 6 anni di squalifica più richiesta di preclusione, per l’accusa di associazione nei presunti illeciti delle partite Modena-Avellino del 17/5/2014 e Avellino-Reggina del 25/5/2014.

“Queste sono cose che vedrà il mio avvocato, emergerà tutta la verità per uscire da questo incubo”, ha aggiunto il genoano. “Ho paura di perdere tutto, la Nazionale, i miei figli. Con il ct Ventura ci ho parlato dieci minuti in occasione dello stage azzurro, tutti mi hanno sostenuto e mi sono vicini”.

Per il calciatore del Cagliari, il napoletano Fabio Pisacane, così come per il calciatore irpino Luigi Castaldo (originario di Giugliano) e per gli altri ex Avellino, Mariano Arini e Raffaele Biancolino, la richiesta è stata di 6 mesi di squalifica e 30 mila euro di ammenda per violazione dell’articolo 7 Cgs, com. 7 “per aver violato il dovere di informare la procura federale”.