Caivano, scoperte armi da guerra in una cantina

Caivano, scoperte armi da guerra in una cantina

Caivano: nascondiglio telecomandato in cantina. Carabinieri sequestrano fucile da guerra, 2 pistole semiautomatiche, 33.000 euro e un apparato per rilevare microspie 
Un fucile mitragliatore AK 47 “Kalashnikov” con 2 caricatori e 216 cartucce, 2 pistole semiautomatiche 7,65 con matricola abrasa e caricatori pieni, un giubbotto antiproiettile e un rilevatore di microspie sono stati rinvenuti e sequestrati dai Carabinieri della Tenenza di Caivano nel rione IACP, un insediamento di edilizia popolare nei pressi del “Parco Verde”. 
Il materiale era chiuso in una cassaforte portatile e questa nascosta nella intercapedine ricavata abusivamente tra due muri di uno scantinato condominiale. Vi si accedeva attraverso una botola a scomparsa telecomandata. 
Rinvenuti anche un monitor per impianto di videosorveglianza e circa 33.000 euro in banconote di vario taglio. 
Le armi sono state inviate agli specialisti del RACIS per verificare l’eventuale utilizzo nei recenti fatti di sangue. 
Un altro sofisticato nascondiglio dopo quello scoperto nella casa di un pregiudicato del Parco Verde ricavato dietro al piano cottura e azionato con un telecomando a infrarossi.