Caianello, bambina costretta a fare sesso con un coetaneo in cambio di soldi

Caianello, bambina costretta a fare sesso con un coetaneo in cambio di soldi

In nome di una vecchia tradizione, una bambina rom è stata rapita, rinchiusa nella camera di un albergo e costretta a fare sesso con un coetaneo in cambio di oro e di 3200 euro. Il tutto è avvenuto a Caianello, all’interno della locale comunità Rom, considerata vicina ai Casamonica.

Ieri sera la madre della piccola si è rivolta ai Carabinieri di Venafro per sporgere denuncia. Gli inquirenti hanno individuato i rapitori: i genitori di un altro ragazzino, designato come colui che doveva unirsi carnalmente con la bambina. I Carabinieri sono arrivati a loro grazie al dettaglio dell’auto bianca con cui avevano condotto il rapimento abbandonata al confine con la Campania.

I due sospettati hanno dichiarato di aver subito il furto dell’auto, ma gli inquirenti non li hanno ritenuti attendibili e dopo varie ricerche sono riusciti a risalire alla camera d’albergo dove si trovavano i ragazzini. I genitori del bambino sono stati arrestato per sequestro di persona e violenza sessuale. Sequestrati oro e 4000 euro in contanti.