Blocco del traffico. I Verdi non ci stanno: “Ordinanza su leggi ormai abrogate”

Blocco del traffico. I Verdi non ci stanno: “Ordinanza su leggi ormai abrogate”

“Ora che è arrivata finalmente la pioggia a ripulire l’aria, De Magistris ritiri l’ordinanza di blocco della circolazione per evitare altre brutte figure visto che quell’ordinanza si basa su norme ormai abrogate”.

A chiederlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Vincenzo Peretti, componente del direttivo regionale del Sole che ride, per i quali “in questi giorni si è visto quanto sia importante la presenza degli ambientalisti perché, se fossero stati ascoltati i nostri suggerimenti, avremmo evitato ai napoletani tanti inutili e odiosi provvedimenti che hanno creato solo stress, lasciando invariata la pessima qualità dell’aria in città”.

“Stupisce poi che il Sindaco di Napoli che è anche a capo della Città metropolitana non abbia tenuto conto delle indicazioni derivanti da disposizioni della Regione che prevedono interventi sovra comunali contro lo smog e abbia limitato i blocchi alla sola città di Napoli non prevedendo alcuna misura anche per i Comuni vicini” hanno aggiunto Borrelli e Peretti per i quali “ora che si è superata l’emergenza è necessario cominciare a pensare seriamente agli interventi strutturali in grado di portare quei vantaggi duraturi che evitino altre situazioni come quelle di questi giorni”.

“E’ assurdo poi che, proprio in questi giorni, l’Arpac non fornisca informazioni sulla qualità dell’aria” hanno sottolineato Borrelli e Peretti precisando che “nei giorni di Natale i dati sono stati aggiornati con un notevole ritardo, mentre in queste ore addirittura il sito non è raggiungibile”.

“E’ davvero insostenibile e ne chiederò conto, ufficialmente, ai vertici dell’Arpac” ha concluso Borrelli, tendendo una mano al sindaco De Magistris al quale offre la “disponibilità a mettere in piedi un tavolo con esperti e tecnici per trovare le soluzioni migliori che evitino altre situazioni di emergenza”.

Intanto, domani, con la ripresa delle attività si presenterà il problema relativo alla consegna delle merci come ha sottolineato Mimmo Filosa, presidente dell’Unipan, che ha evidenziato “la mancanza di deroghe per chi deve arrivare in città per consegnare i prodotti ai negozianti”.