Bimba di Giugliano morta per un tumore non diagnosticato, c’è un altro caso sospetto

Bimba di Giugliano morta per un tumore non diagnosticato, c’è un altro caso sospetto

Provincia. C’è un’altra morte sospetta, sempre di una bambina, nell’inchiesta della Procura di Napoli Nord che questa mattina ha portato all’arresto da parte dei carabinieri di 2 coniugi del casertano: Angelo Coronella, medico pediatra e neonatologo, ed Ersilia Pignata, pediatra abusiva, finiti questa mattina ai domiciliari per la morte di una bambina di 3 anni. Le piccola era di Giugliano, Bosco il suo cognome. I due la avevano presa in cura in tenerissima età, quando aveva tre mesi, senza mai accorgersi della grave malattia cui era affetta, un neuroblastoma, che poi ha causato la tragedia.

La circostanza che renderebbe “recidivi” i due coniugi titolari del centro pediatrico di Casal di Principe (lei risulta residente a Formia in provincia di Latina, lui a Casal di Principe) emerge – come riporta l’Ansa – dalla nota emessa dalla procura della Repubblica di Napoli Nord. La prima bimba è morta mentre i due coniugi avevano in cura la piccola di tre anni; sulla vicenda indaga la Procura di Napoli, che ha emesso già il decreto di citazione in giudizio per omicidio colposo e altri reati.

LEGGI ANCHE: Choc in provincia, lei piange e non si accorgono che ha un tumore. Agli arresti medico e la moglie