Bimba colpita da proiettile, viva per miracolo

Bimba colpita da proiettile, viva per miracolo

Caserta. E’ viva solo per una fortunata casualità la bimba di tre anni che due notti fa è rimasta ferita nel Casertano alla mano sinistra da un colpo di pistola esploso, mentre era nell’auto dei genitori, da alcune persone che erano in un’altra vettura, una delle quali, il 32enne Biagio Capasso, è stata fermata nella tarda serata di ieri dai carabinieri (LEGGI) su ordine dei sostituti della Procura di Santa Maria Capua Vetere Vincenzo Quaranta e Valentino Battiloro e condotta in carcere in attesa della convalida del Gip.

Il proiettile che si è conficcato nella mano della piccola, hanno accertato gli esperti balistici dell’Arma, ha perforato il portellone posteriore della vettura, il sedile posteriore e in ben due punti il seggiolino dove la bimba dormiva. Il caso ha voluto che i genitori avessero disposto il seggiolino perpendicolarmente al senso di marcia, e non con lo schienale appoggiato al sedile; ciò, secondo gli inquirenti, avrebbe salvato la piccola che altrimenti sarebbe stata colpita in organi vitali. (Ansa)