Aversa, parte la convenzione del Moscati con la NATO. Perri: “Motivo di orgoglio”

Aversa, parte la convenzione del Moscati con la NATO. Perri: “Motivo di orgoglio”

Grande traguardo per l’ospedale Moscati di Aversa. Arriva la convenzione con la NATO di Gricignano. La struttura sanitaria infatti sostituirà quella americana già dal 12 maggio. Al momento l’unico reparto che garantirà il servizio sanitario ai militari e alle loro famiglie è quello della pediatria. Tuttavia non si esclude che anche gli altri settori possano concorrere all’iniziativa.

Gli accordi sono stati ufficializzati venerdì 12 maggio durante una cerimonia tenutasi a Gricignano, organizzata dagli ufficiali americani, a cui ha partecipato il primario della pediatria del Moscati, Domenico Perri. L’iniziativa è partita dalla NATO, che ha contattato personalmente Perri per informarlo del loro progetto. In seguito il primario della pediatria, secondo la sua testimonianza, avrebbe informato della convenzione il direttore generale dell’Asl di Caserta, De Biasio.

“Il motivo del programma americano – ha spiegato il primario alla nostra redazione – dipende da una proposta di legge avanzata da Obama e in seguito ripresa da Trump, nuovo presidente degli Stati Uniti.  Non è certo sino a quando durerà la collaborazione tra i due enti, il piano è ancora in fase di sviluppo. Per quanto il fatto riempia di orgoglio l’intero nosocomio normanno, non è la prima volta che il reparto ha a che fare con gli stranieri, i quali sembrano aumentare notevolmente ogni anno”.

Secondo alcune testimonianze pare che una famiglia americana abbia fatto visita al reparto pediatrico, apprezzando la prestazione professionale dei medici e degli infermieri del Moscati.

Silvia D’Angelo