Area nord blindata dai carabinieri di Giugliano: arresti, denunce e sequestri. I NOMI

Area nord blindata dai carabinieri di Giugliano: arresti, denunce e sequestri. I NOMI

Giugliano. Area nord blindata anche nella giornata di ieri grazie ad un’operazione ad “alto impatto” dei carabinieri della Compagnia di Giugliano, diretti dal capitano Antonio De Lise, che hanno eseguito posti di blocco e controlli a tappeto nel corso del pomeriggio in tutto il comprensorio per contrastare l’illegalità diffusa e prevenire i reati predatori. Ormai da mesi è un presidio costante quello degli uomini della Benemerita in tutta l’area giuglianese.

Arrestati:

  • Antonio Pelliccia, pregiudicato classe ’62 di Qualiano, arrestato in via Ripuaria per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della moglie.
  • Giuseppe Bonaparte, pregiudicato di Melito, del ’77, nei confronti del quale è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal tribunale di Napoli Nord per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità (affidamento ai servizi sociali).
  • Francesco D’Alterio, pregiudicato di Qualiano, classe ’81, finito ai domiciliari su ordine della Procura di Cassino. Deve espiare una pena di 2 mesi per furto aggravato.
  • Elton Strazimiri, pregiudicato di nazionalità albanese ma residente a Giugliano, del ’77. Deve scontare una pena di 9 mesi per resistenza a pubblico ufficiale ed è stato condotto a Poggioreale.
  • Fabio Cutolo, dal ’73, residente sulla fascia costiera giuglianse, anche lui pregiudicato. Nei suo confronti eseguita un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare. Era ai domiciliari in una comunità per rapina ma dopo un permesso premio era andato dalla moglie e l’aveva minacciata di morte, tentando anche di investirla con l’auto. Cutolo è stato condotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

I carabinieri hanno eseguito poi perquisizioni nella piazza di spaccio del Parco Monaco, sul Corso Europa a Melito. Sono stati rinvenuti all’interno di un locale condominale e sequestrati 70 grammi di hashish e ben 150 di marijuana. Ma non è finita qui. Sono stati ritrovati poi altri 21 grammi di marijuana, 40 cartucce calibro 9×21 ed calibro 7,65.

Le persone denunciate in stato di libertà sono invece 27 per vari reati tra cui ricettazione, spaccio, armi, danneggiamento cose sottoposte a sequestro, abusivismo edilizio e sversamenti illeciti, inosservanza provvedimenti, omissione di soccorso, daneggiamento beni archeologici.

Diverse contravvenzioni per guida senza patente o assenza di copertura assicurativa. Sequestrati 5 veicoli. Due persone sono ste segnalate invece come assuntori di sostanze stupefacenti.