Apple Vesuvio, sull’iPhone esce “lavali col fuoco”. Ecco perché

Apple Vesuvio, sull’iPhone esce “lavali col fuoco”. Ecco perché

Apple Vesuvio, scoppia il caso. Se su sull’iPhone scrivi Vesuvio da come suggerimenti la frase lavali col fuoco. Il classico coro da stadio utilizzato dalle tifoserie anti napoletane è stato scoperto essere tra i suggerimenti delle tastiere dell’iPhone.

La cosa ha fatto discutere sul web e non solo, al punto da indurre la Apple a eliminarlo dai server e dalle tastiere predittive. A quanto pare se ora si prova a digitare non uscirà più lavali col fuoco.

La reazione dei napoletani è stata come al solito passionale, sui social i partenopei hanno commentato negativamente la notizia e a favore della città di Napoli si è schierato anche qualche vip tra i quali Nina Moric che  su Facebook ha ironicamente messo in vendita il suo  smartphone con questo post: “Prezzo vantaggioso perché razzista,  Apple composta da persone false ed ipocrite, perché poi i soldi dei napoletani quando si comprano l’iPhone li prendete”.

Altri portali di informazione hanno considerato sterile la polemica sollevata per primo da Walter De Maggio sulle frequenze di radio Kiss Kiss Napoli. Da Napoli si annuncia una vera e propria istanza presso gli esponenti italiani nell’azienda di Cupertino per modificare l’algoritmo di lavali col fuoco.

Perché esce uella scritta? Voglio spiegare come funziona – ha raccontato De Maggio a Il Mattino – la tastiera predittiva è un algoritmo, crea un dizionario locale, acquisisce dal web le parole più frequenti, più viene utilizzato un termine, più viene suggerito. Abbiamo fatto alcune prove, abbiamo inserito altri termini e neologismi frequenti non compaiono. Se scrivo Juve esce storia, se scrivo Vesuvio deve uscire Napoli, non lavali col fuoco. In un momento storico in cui si cerca di sensibilizzare sul tema del razzismo, questa circostanza non può passare inosservata e speriamo che l’azienda statunitense riesca a modificare e a migliorare il suo algoritmo in questo caso particolare. È una vicenda gravissima”

vesuvio iphone lavali col fuoco apple