“Alto impatto” tra Giugliano, Qualiano e Villaricca: 5 arresti e 13 denunce

“Alto impatto” tra Giugliano, Qualiano e Villaricca: 5 arresti e 13 denunce

Servizio “Alto impatto” dei carabinieri guidati dal capitano De Lise della locale Compagnia tra Giugliano, Qualiano e Villaricca per il contrasto all’illegalità diffusa. In campo circa 20 militari. L’operazione ha portato a 5 arresti e 13 denunce. Sono stati effettuati controlli in strada con posti di blocco e perquisizioni domiciliari.

ARRESTATI:

Antonio Caianiello pregiudicato classe ’67, e Immacolata Oriani, incensurata classe ’72,
entrambi conviventi e residenti a Villaricca, in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari emessa, concordando con l’attività investigativa della dipendente stazione di Villaricca, dal tribunale di Napoli nord per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Sono stati scoperti dai militari lo scorso 20 marzo.

Luigi Muriello, pregiudicato classe ’81, residente nel quartiere Casacelle a Giugliano, in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, concordando con l’attività investigativa dell’aliquota operativa, dal tribunale di Napoli nord per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti  accertata dai carabinieri a Melito lo scorso 17 marzo;

Saverio Palma, pregiudicato di Qualiano classe ’72, in esecuzione all’ordine di carcerazione in regime di detenzione domiciliare emesso dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Napoli, dovendo espiare la pena residua di 5 mesi 5 di reclusione, poiché riconosciuto colpevole dei reati di rapina aggravata commessa a Villaricca;

Luigi Silvestri, pregiudicato di Qualiano classe ’73, in esecuzione all’ordinanza di carcerazione in regime di detenzione domiciliare emessa dal tribunale di sorveglianza di Salerno, dovendo espiare la pena residua di 7 mesi di reclusione, poiché riconosciuto colpevole di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti ad Eboli (nel Salernitano) nel 2014.
Poi nel corso dell’operazione sono state denunciate in stato di libertà 13 persone per: ricettazione; truffa; inosservanza provvedimenti dell’autorita’; guida senza patente; porto illegale di armi e/o oggetti atti ad offendere; omessa comunicazione detenzione armi e omessa custodia di armi; mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice; furto aggravato; furto con strappo;

Inoltre sono state eseguite anche perquisizioni, controllate persone e veicoli, elevate numerose contravvenzioni  e sequestrati 10 veicoli.