Alto impatto tra Giugliano, Melito e Villaricca: 5 arresti e dieci denunce

Alto impatto tra Giugliano, Melito e Villaricca: 5 arresti e dieci denunce

Alto Impatto a Giugliano e nei paesi del comprensorio per il contrasto all’illegalità diffusa. Impiegati 30 militari. All’esito delle operazioni sono stati tratti in arresto i seguenti soggetti:

  • Mastranza Domenico, nato a Villaricca, classe ’95, ma residente a Qualiano, in esecuzione alla misura cautelare in carcere emessa, in data 04.11.2016, dal tribunale di napoli Nord in sostituzione della misura degli arresti domiciliari, a cui era sottoposto per estorsione aggravata dal metodo mafioso, su richiesta della dipendente stazione di Qualiano a seguito delle ripetute violazioni del predetto della misura cautelare;
  • Truiolo Raffaele, residente a Giugliano, classe ’68,pregiudicato, in esecuzione dell’ordinanza di aggravamento di misura cautelare emessa dal tribunale di Napoli Nord, in sostituzione della misura degli arresti domiciliari a cui era sottoposto per detenzione ai fini della vendita di tabacchi lavorati esteri di contrabbando.
  • Armando Izzo, residente a Villaricca, pregiudicato, in esecuzione all’ordinanza di misura cautelare in regime di arresti domiciliari emessa, in data 01.11.2016, dall’ufficio g.i.p. del tribunale di Napoli Nord, concordando con attività investigativa della dipendente stazione di Villaricca in ordine al deferimento  per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente;
  • Marino Vincenzo, nato a Villaricca, classe ’61, pregiudicato, in esecuzione all’ordine di carcerazione emesso in data 31.10.2016 dal tribunale di Napoli Nord, dovendo espiare la pena di tre anni di reclusione, poiché riconosciuto colpevole di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate commessi dal 1983 al 2014;
  • Aruli Pietro, residente a Melito, pregiudicato, in esecuzione all’ordine di carcerazione in regime di detenzione domiciliare emesso dal tribunale di Napoli dovendo espiare la pena di 4 mesi di reclusione, poiché riconosciuto colpevole di furto aggravato commesso a Napoli.

Nell’ambito della stessa operazione sono state denunciate in stato di libertà anche dieci persone per tentata rapina, evasione, maltrattamenti in famiglia, atti persecutori, omessa custodia d’armi, abusivismo edilizia, guida in stato di ebbrezza e detenzione di sigarette di contrabbando. Sequestrati 170 pacchetti di bionde fuorilegge. Elevate 13 contravvenzioni per guida senza patente, guida senza casco e guida senza copertura assicurativa.